RIVISTA STORICA VIRTUALE

http://www.rivstoricavirt.com/

SPECCHIO DELL’EPOCA

 

IL CORPUS JURIS

 

L’ABBAGLIO  DEI RICERCATORI

SUL CAOS

DELLA LEGISLAZIONE

GIUSTINIANEA

 

a cura di

 Michele E. Puglia

 

SOMMARIO: PREMESSA E IMPLICAZIONI; IN FRANCIA; IN SPAGNA: IL DIRITTO DEI VISIGOTI; IN GRAN BRETAGNA: COMMON LAW E CIVIL LAW;  IN GERMANIA; SVILUPPI NEGATIVI IN ITALIA: LE INCERTEZZE DEL DIRITTO POSITIVO; E LE RIFORME?; GLI ARTICOLI DI VERRI; RAGIONAMENTO SULLE LEGGI CIVILI (IN NOTA: SOSTITUZIONE DEL DIRITTO LONGOBARDO E DECORSO DEGLI STUDI DEL DIGESTO; LE SCUOLE PRE-IRNERIANE E PRE-BOLOGNESI; ALCIATO E CUJACIO); DI GIUSTINIANO E DELLE SUE LEGGI..

 

 

(per tutti i riferimenti storici

all’Impero bizantino, rimandiamo alla

RIVISTA STORICA VIRTUALE

<www.rivstoricavirt.com>

alla sez. Articoli e agli argomenti indicati nella pagina relativa ai

“Mille anni dell’’Impero bizantino” e per i Capitolari di Carlomagno

a quella relativa a “Carlomagno e l’idea dell’Europa”;

per la situazione italiana,

rimandiamo alla sez. Schede, alla Premessa “L’Italia oggi” dell’articolo

“Gli italiani secondo Leopardi”).

 

 

 

PREMESSA E IMPLICAZIONI

 

N

el presente studio riassumiamo due articoli che si possono considerare rivoluzionari, scritti da Alessandro Verri (fratello del più famoso Pietro e dello stesso, se non maggior spessore intellettuale), pubblicati nella rivista letteraria “Il Caffè” (1764-1766): “Ragionamento sulle leggi civili”  e “Di Giustiniano e delle sue leggi” .

Come si vedrà, il Verri critica aspramente tutta l’opera di Giustiniano scoperta in Occidente (si ritiene comunemente ad Amalfi o a Molfetta nel 1135 ma il ritrovamento è ritenuto leggendario v. nota par. Ragionamento ecc.), da considerare, oltretutto, superata, rispetto alle successive elaborazioni e maturazioni operate dagli imperatori suoi successori.

Secondo Verri,  i “glossatori”, dal momento della scoperta delle Pandette (1) si erano buttati a capofitto nello studio di un testo (poi diffuso per l’Europa) oramai da considerare non solo  obsoleto, ma anche artefatto in quanto le vere e proprie leggi romane erano andate tutte perdute.

Esse infatti avevano  subito, non solo  trasformazioni sulla base delle opinioni degli interpreti e dei giureconsulti (con le “sottigliezze legali” come scrive il Verri). si pensi alle obbligazioni che per i romani nascevano da contratto o da delitto - ex contractu vel ex delictu -  mentre i bizantini, abituati alle distinzioni sottili (2) aggiunsero i “quasi contratti” e i “quasi delitti”(ndr.), ma erano anche state superate dalle successive elaborazioni intervenute da Basilio I il Macedone (812-886) in poi.

Occorre tener presente, a proposito del diritto romano originario, che i romani non erano per le disquisizioni: noi invece la mentalità bizantina (in negativo!) l’abbiamo tanto assorbita che fa ancora parte del nostro patrimonio genetico, apprezzate e accettate e per di più  definite “squisite” o “sottili”, e, come aveva scritto il giurista Thibaut (2)avevano senso pratico e conciliativo e risolvevano le maggiori difficoltà conciliando il diritto consuetudinario con le leggi scritte, temperando il rigore dell’elemento civile con quello più vasto e umanitario delle leggi e sciogliendo l’ardua questione del passaggio dall’astratto al concreto e della sua applicazione ai bisogni reali con l’Editto pretorio emesso dal Pretore, che diveniva diritto consuetudinario”. 

Gli esplosivi articoli del Verri, con un successivo studio del De Simoni (3), avrebbero dovuto suscitare, nel secolo e mezzo seguito alla loro pubblicazione, se non una rivoluzione intellettuale, almeno una forte reazione fra i tanti studiosi che si occupavano specificamente di diritto romano. Ma, a quanto risulta, la questione rimase sommersa dal silenzio!

Dobbiamo dire però che un’altra voce si era levata già molti secoli prima del Verri, e si può dire nell’imminenza della (presunta) scoperta, vale a dire intorno al 115o, la prima a quanto è dato riscontrare,  che aveva mosso le sue critiche al Corpus juris:  era quella di san Bernardo (4), che aveva definito  le leggi di Giustiniano “non tam leges, quam lites et cavillationes che avevano reso oscurissime e vane le leggi  perché mutilate e tronche e spessobattagliantesiecontrariantesia vicenda, altre intralciate di sofisticherie, vane sottigliezze e chimeriche decisioni.  

E il De Simoni aggiungeva:  Se non avessimo avuto tanti farraginosi volumi di commentatori, interpreti, espositori, che sforniti di criterio e senza l’arte di ben pensare, ammorbarono e corruppero il diritto romano col puzzare di rancido,  le leggi di Giustiniano si intenderebbero meglio”.

“Ma non è per questo che non si debba avere in sommo pregio le illustri fatiche di quei valentuomini, prosegue il giurista, che sulle orme dell’immortale Cujacio (v. sotto) si studiarono rischiarare eruditamente e dottamente la romana giurisprudenza involta nelle tenebre della storia e degli oscuri principi della filosofia dei suoi curatori”.

“Fu così che fu rivalutato l’intero metodo usato da Giustiniano con i suoi inetti compilatori, nel far compilare, a fascio e senza criterio e discernimento, senza avvedersi delle palmari e solenni antinomie che venivano a stabilire, massime nei suoi informi digesti e il suo imperfetto codice che così tronche e mutilate e isolate per lo più mancano del loro vero senso col quale  egli aveva fatto il diritto romano”.

“Ciò non fece che eccitare una vera e propria guerra di opinioni tra gli interpreti i quali in seguito”, continua De Simoni, “disperati di poter con tanti testi contraddittori fra essi, fissare alcun sistema dello spirito del diritto romano, dedotto dalle massime, si sono abbandonati a spacciare a proprio talento, sentenze e opinioni bevute da quelle fecciose fonti derivanti dalla barbarica e settentrionale legislazione di quei selvaggi sbucati dalle caverne della Scozia” (in effetti si trattava della estrazione del diritto romano dai territori franchi dove veniva applicato,  come vedremo più avanti ndr.).

“E, per rilevare il vero spirito della giurisprudenza romana, oscurata e nascosta tra i rottami infelici e i ritagli imperfetti  malamente raccozzati da Giustiniano, si dovette impegnare l’ingegno e il finissimo criterio dei più dotti e sensati professori della scienza legale quali furono i Cujaci, Alciati, Gotofredi, Merilli, Noodati, Binderfoechi, Donelli e Duareni”. 

“Ma”, precisa De Simoni,  dedurre da un ammasso e accozzaglia indigesta di tronchi di mutilate sentenze  e di stolte decisioni quale è la realtà di tanto decantato corpo delle leggi romane raccolte da Giustiniano, corrisponde a chi in riva ad ampio mare osservando il moto fluttuante delle onde che s’incalzano e si accavallano l’un l’altra, volesse imprimere un moto costante e regolare”.

E il giurista conclude e ci lascia ponendo un interrogativo: “Come può essere agevole analizzare un guazzabuglio  e un centone di dette sentenze e decisioni che riguardano casi per lo più particolari, senza che si abbia una distinta notizia di quei casi proposti al legislatore o al giureconsulto, per ravvisarne lo spirito e dedurne il sistema?”.

Ma, ciononostante, come detto, nelle scuole italiane, particolarmente in quella di Bologna (v. sotto, nota 1 par. del Ragionamento sulle leggi civili)  i glossatori su quel “corpus” si buttarono a capofitto disseminandolo in tutta l’Europa attraverso gli studenti che giungevano da tutti i paesi dell’occidente e, una volta addottorati, lo diffondevano rientrando nei paesi di origine.

Esaminiamo ora le diverse evoluzioni che si ebbero in Spagna, Francia, Gran Bretagna, Germania e particolarmente nella sventurata Italia, dove gli sviluppi hanno avuto ai giorni nostri esiti disastrosi; seguono i due articoli del Verri.

 

1) L’intero Corpus juris è costituito dalle Pandette in 50 libri e dal Codice (detto repetitae praelectionis perché pubblicato nel 528), fu riveduto, ampliato e ripubblicato nel 534 in 12 libri, che costituiscono una raccolta di frammenti spezzati  presi dalle opere di Ulpiano, Papiniano, Gajo, Paolo, Modestino, Giavoleno e Africano e raccolti sotto ciascuna materia. Le Novelle, raccolta di editti e costituzioni originali promulgate in greco e in latino da Giustiniano e dagli imperatori precedenti e dopo la sua morte ripubblicate in latino: esse non costituiscono un sistema ordinato e compiuto in materia legislativa. Le Istituzioni, opera originale perché modellata sui commentari di Gajo (successivamente scoperti da Niehbur e Savigy e frammenti scoperti dal cardinal Angelo Mai nella biblioteca vaticana), che costituiscono un vero e proprio corso compiuto (la pubblicazione avvenne a Costantinopoli nel 533-534).

2)  Ricordiamo che in campo religioso si giunse allo scisma perché i cristiani nel credo avevano aggiunto una “e” “al “figlio”, il famoso “filioque” (si veda in Schede di Storia: La chiesa ortodossa) e la polemica è durata secoli.

2) A. Federico Thibaut: La dottrina del codice civile francese, traduzione di A. Turchiarulo, Napoli 1853.

3) Giuseppe De Simoni: Dei delitti di mero affetto, 1783.

4) Nel Libro II  del trattato De consideratione , dedicato al papa  Eugenio III,  che era stato suo discepolo, considerato il manuale del perfetto  pontefice.

 

 

IN FRANCIA

 

L

a Gallia, con tutta l’area celtica, prima della conquista romana, non avevano leggi scritte (ma erano rette dal diritto celtico tramandato oralmente), che furono introdotte dopo la conquista romana, con gli editti dei governatori, i quali rispettavano il diritto consuetudinario (con trattati di alleanza. foedus), e quindi il diritto romano si affermò successivamente nelle province del sud dove rimasero famiglie romane.

E’ discusso invece che ciò possa essere avvenuto nelle province del nord dove comunque, fin dal 450, i franchi cancellarono ogni traccia di diritto romano.

Dalla occupazione della Gallia da parte di Giulio Cesare (50 a.C.) alla caduta dell’impero romano d’Occidente (476), nei cinque secoli di dominazione il diritto celtico era stato messo in secondo ordine dal diritto romano pagano rappresentato nell’Alto impero dai commentari di Gaio e dai frammenti dei giureconsulti romani inseriti nel Digesto; nel Basso impero rappresentato  dalla legislazione sulla quale avevano avuto influenza le idee cristiane contenute nel Codice Teodosiano.

Il periodo di occupazione romana  durato cinque secoli (I-V sec.), è considerato gallo-romano Questo periodo è seguito dalle invasioni barbariche dei Visigoti che si stabiliscono nel sud-ovest delle Gallie; mentre i Burgundi si stabiliscono a est e i Franchi nel centro-nord; questi ultimi, finirono per cacciare le altre popolazioni, rimanendo padroni delle Gallie (al plurale perché successivamente alla conquista romana avvenne la divisione tra Gallia aquitana, occupata dagli Iberi, Belgica, abitata da Celti e Germani e Celtica abitata dai rimanenti Celti).

Con Clodoveo (465-511) si inaugura un nuovo periodo storico e nello stesso tempo giuridico in cui predomina il diritto germanico (1) portato dagli invasori. Ma il diritto romano, come diritto civile e penale, non scompare ma si affianca al diritto franco, ed è applicato nell’ambito della popolazione  gallo-romana.

Successivamente si giunge a una fusione tra le due entità, vale a dire dei princìpi franchi. con i canoni dei concili i quali seguivano il diritto romano,  trasformato sotto l’influenza cristiana e armonizzata con i principi del vangelo. E’ da questo diritto romano, armonizzato con i principi evangelici che uscirà il diritto canonico (il diritto romano,franco e canonico costituiscono le basi del  droit coutumier-diritto consuetudinario).

Nelle contrade meridionali della Settimania, erano applicati il codice Teodosiano con le influenze cristiane, e molte altre Costituzioni posteriori che finirono nella compilazione del Breviarium Aniani o Alarici (Lex romana wisigotorum approvata da Alarico II nel 506,v. sotto Il diritto dei Visigoti).

Si giunse quindi (IX sec.) ai Capitolari di Carlomagno (v. cit. art. Carlomagno e l’idea dell’Europa), che valevano per tutto l’impero, mentre successivamente alla sua frantumazione, vi provvidero i rispettivi monarchi (capetingi, se non i vassalli che avevano potere legislativo nei loro domini, ma il diritto romano e canonico non mancavano di avere una forza sussidiaria (v. in Articoli: I carolingi e il disfacimento dell’impero).

Il successivo  X secolo,  il secolo del feudalesimo (al quale dedicheremo altro scritto) che si afferma in tutta Europa, segna la fine del diritto franco al quale subentra il diritto feudale che costituisce per la Francia il periodo dell’inizio del diritto francese. fondato sui due principi del diritto pubblico e diritto privato, rimasti in vita, soprattutto il secondo, fino alla Rivoluzione francese.

Con l’avvento di Filippo IV il Bello (1268-1314), il quale mirava a unificare il regno, si realizzarono riforme a carattere sia amministrativo sia legislativo,facendo prevalere in quest’ultimo il diritto delle Pandette (v. in Articoli: L’Europa verso la fine del medioevo, P.II).

Il monarca infatti aveva trovato un primo ausilio nel giurista Pierre Dubois (1255-1312) il quale aveva partecipato alla riscoperta del diritto romano durante il suo regno, e (sulla base dell’idea della monarchia universale formatasi nel medioevo, fondata sull’assolutismo romano) aveva teorizzato la figura del monarca come “D0minus Mundi”, in quanto Dubois credeva che il mondo, per avere giustizia, dovesse essere sottoposto a un unico governante, individuato, non nell’imperatore germanico, ma nel  re di Francia, unico discendente di Carlo Magno.  

Filippo si servì  proprio dei “dottori”, che furono introdotti in seno al suo  Consiglio (i suoi ministri), dal quale il re aveva eliminato i nobili e gli ecclesiastici, sostituendoli con questi nuovi sofisticati giuristi borghesi, espertissimi in diritto.

Essi, scrive Michelet, si servivano della fiscalità imperiale delle Pandette, che consideravano la loro Bibbia e, a torto o a ragione, la loro risposta era “scriptum est”, appunto, è scritto nelle Pandette.

Questi “cavalieri del diritto”, prosegue Michelet, demolirono il medioevo, il pontificato, il feudalesimo e la cavalleria, ma, bisogna confessarlo, conclude lo storico, “furono i fondatori dell’ordine civile moderno”.

I dottori quindi, favorirono l’accentramento monarchico (che si concluderà nell’assolutismo di Luigi XIV il quale guardando all’assolutismo bizantino, aveva disposto la raccolta di tutto il Corpus di studi bizantini, v. in Schede: Lo Stato bizantino), che Filippo IV introdusse mandando nelle province balivi, siniscalchi, prevosti, procuratori, cioè coloro che saranno i funzionari statali dell’età moderna (è il caso di ricordare, per quanto diremo più avanti, l’efficienza della burocrazia francese, che non è impastoiata come quella italiana).

Dal dodicesimo al quindicesimo secolo furono raccolti dai monarchi le “Coutumes” (Consuetudini).

Durante la Rivoluzione molti furono i progetti di legge realizzati (dal 1792 al 1799) ma non portati a termine e pubblicati. Fu Napoleone, dopo essere divenuto imperatore (1804), a realizzare in pochissimo tempo i Cinque codici (2).

Il Codice civile che va sotto il suo nome di “Code Napoleone” era stato voluto dall’imperatore fin da quando era stato eletto “primo console” al quale aveva dato impulso, anche con la sua personale partecipazione, per la necessità che si presentava di una legislazione unificatrice in quanto questa risultava suddivisa, come abbiamo visto, tra la legislazione romana, vigente nelle province meridionali, e la legislazione consuetudinaria, vigente nelle province settentrionali (raccolta, come detto, nelle Coutumes), dando luogo a disparità giuridiche assai gravi nell'ambito dello stesso territorio nazionale.

Napoleone quindi, riformando la costituzione dello stesso Tribunato, che in particolare ostacolava il progetto, ebbe ragione di ogni opposizione, affidandone la compilazione a una commissione formata da soli quattro membri (Tronchet, Bigot de Préameneu, Maleville e Portalis) che vi provvidero con grande sollecitudine.

Il progetto così redatto fu distribuito tra le corti giudiziarie per le osservazioni, inoltrandolo poi alla discussione delle assemblee legislative, e nel giro di soli quattro anni dalla sua prima impostazione, il codice fu emanato il 21 marzo 1814, inserendo infine le trentasei successive leggi con le quali esso risultò approvato dal Corpo legislativo.

Il “codice” fu decantato per l’ordine della materia, chiarezza delle sue disposizioni, precisione e facilità espositiva, insomma fu considerato un capolavoro della produzione umana (ciò che vorremmo poter dire dei farraginosi codici italiani!), e che fu adottato da molti paesi europei, ad esclusione dei tedeschi dai quali fu aspramente criticato e addirittura disprezzato in quanto avrebbero sentito la sua adozione come una imposizione del vincitore. E non fu accettato anche perché rispecchiava motivi di fondo incompatibili con la mentalità tedesca portata all’astrazione che in tutte le cose cerca e investiga l’elemento ideale, mentre quella francese era dotata di spirito fortemente pratico.

 

1) Le popolazioni germaniche, come scrive Tacito, non conoscevano la scrittura e avevano poche norme che si tramandavano oralmente; venendo a contatto con i popoli latini misero le loro leggi  per iscritto; i primi furono i Franchi che in Gallia si divisero in Salii e Ripuari (Lex Salica), seguiti dai Burgundo (Lex Burgundiorum).

2) La Legge sul Notariato, il Codice Napoleone (Codice civile nella cui redazione si tennero presenti tutte le fonti precedenti, dalle Ordinanze dei Capeti, ai Coutumes, ai Trattati di Pothier (1772) tra i quali il Commentario alle Pandette e una moltitudine di altri trattati, ed altro, il Codice di procedura civile, il Codice di Commercio, il Codice di Istruzione criminale e il Codice Penale.

 

IN SPAGNA:

IL DIRITTO DEI VISIGOTI

 

I

 Goti si erano governati secondo i loro costumi e consuetudini anche dopo che l’imperatore Onorio (1) (v.  Articoli: I mille anni ecc.)  aveva loro permesso di abitare l’Aquitania; ma quando il re Evarico, considerato il primo legislatore (2), aveva conquistato la Spagna superiore,  volle dare al suo popolo un diritto scritto (estratto dal codice di Teodosio, ivi pubblicato nel 435) compilando il Breviarium (506), le cui disposizioni furono osservate solo dai Goti, mentre per le popolazioni sottomesse della Gallia e della Spagna rimaneva il diritto romano.

Alarico. suceduto a Evarico mandò il Breviario (Lex Gothorum) presso tutte le provincie del regno da lui governato.

Queste leggi furono mantenute fino al regno di Leovigildo (568-585/588) il quale ritenne di apportare dei cambiamenti nei costumi (il termine è da intendere in senso lato anche di foggia del vestire) e volle modificare il codice facendo aggiunte e eliminando ciò che vi era di superfluo.

A questo modo, scrive il giurista  Asti (3), i Goti si allontanarono dalle altre popolazioni barbariche, in quanto, oltre ad averle scritte in ottimo latino, le conformarono in tutto a quelle romane (prendendo, sia dal Codice teodosiano, sia dal Giustinianeo, tutto ciò che si stimasse migliore e confacente al costume dei Goti, riportandole in dodici libri per imitare (come aveva scritto Cujacio), a quelle di Giustiniano (*): Col risultato che le genti della Spagna avevano avuto delle leggi migliori di altri popoli.

Quindi la Spagna si mantenne con le due leggi, gotiche e romane (i Goti con le prime gli altri con le seconde) fino al regno di Gundemaro (640-642), il quale stabilì che le leggi romane, che egli riteneva colme di ambiguità e fonte di dubbi, potessero rimanere solo come oggetto di studio mentre andavano applicate quelle visigote.

Rechesvindo (Rekeswint 652-672) nel secondo anno del suo regno, rincarò la dose, nel senso che: poiché le popolazioni gotiche per secoli erano vissute sotto le loro leggi, egli le ricostituì nel Codice delle Costituzioni Gotiche (657), e per radicarne l’osservanza presso i suoi vassalli, a qualunque nazione appartenessero, stabilì una sanzione di trenta libbre d’oro per chi avesse osato presentarsi con testi che non contenessero disposizioni che non fossero gotiche e alla stessa pena (del pagamento al fisco, di trenta libbre d’oro) doveva soggiacere il giudice al quale fosse stato presentato altro testo e non lo avesse lacerato **

E così nell’anno 657 l’applicazione della legge romana cessò per tutta la Spagna e nella Gallia sottoposta ai Goti (Bassa Linguadoca-Gothia-Provenza), lasciando l’applicazione delle pene all’arbitrio e volontà del magistrato. 

Ciò aveva determinato una vacatio legis per molte specie di reati (principalmente di carattere ecclesiastico), tanto che il vescovo di Narbona, Siseboldo nel Concilio di Troyes (877) aveva presentato al papa Giovanni VIII  il Codice delle Costituzioni Visigote, mostrando che esse non solo non contenevano nessuna pena contro i sacrilegi, ma al giudice era vietato applicare altre disposizioni che non fossero quelle visigote. E subito i padri del Concilio, trovarono tra le leggi di Giustiniano, la punizione del sacrilegio, che si trovava anche  nei Capitolari di Carlomagno, e stabilirono quindi per la Spagna e la Gothia, secondo la determinazione operata da Carlomagno,  il pagamento di trenta libbre d’argento.

La Spagna si resse con queste leggi gotiche anche dopo l’invasione dei saraceni (715) i quali non apportarono cambiamenti che a pochi reati di carattere religioso, come la bestemmia nei confronti di Maometto,  e ciò fino al 1064, vale a dire fino a quando  non giunse al Concilio di Barcellona, Ugone, legato del papa Alessandro II, che le fece abolire con il consenso del Conte di Barcellona (ricordiamo che Barcellona era feudo francese), e dove in precedenza vigevano leggi catalane, e, successivamente, con la conferma di quelle romane (1068) da parte del re Sancio di Castiglia, imitato dagli altri monarchi della Spagna (non soggetta ai saraceni), che abbandonarono definitivamente la legislazione gotica. 

Il re Alfonso IX, o il successore Alfonso X, nel compilare le leggi delle “Partite” fece tradurre per miglior comprensione dei vassalli, in castigliano il Codice  di “Ragion civile” romano, vale a dire i due precedenti codici teodosiano e giustinianeo.

 

1) Dal tempo di Giustiniano e successivamente, la Spagna era sotto l’impero bizantino che governava con i prefetti: Ermenighildo (Ermenegildo, convertito al cattolicesimo e per questo santificato), figlio di Leovighildo, per sfuggire all’odio paterno, si era rifugiato dal Prefetto imperiale e con questo andò a combattere contro il padre (che non si era convertito).

2) Secondo Isidoro di Siviglia, contro l’opinione di Sidonio Apollinare per il quale il legislatore sarebbe stato il fratello Teodorico I, da non confondere con il ravennate omonimo re degli Ostrogoti, suo predecessore (v. in Schede di Storia: Il regno dei Visigoti in Spagna).

3) D.A. Asti: Dell’uso e autorità della Ragion civile ecc., Napoli ed. 1841.

 

*) Sive Wisigothorum Reges, qui Hispaniam et Galliam, Toleto sede regia tenuerunt, ediuderunt XII Constitutionum libros, aemulatione Codici Justiniani, quorum auctoritate utimur, saepe libenter, quod sin in eis omnia fere petita ex jure civili  et sermone latino conscripta.

**) ...Judex quoque si vetitum librum, sibi postea oblatum, dirumpere fortasse distulerit, praedictae damnationibus  (XXX libras auri fisco persolvet), dispendio subjaceat.

 

 

IN GRAN BRETAGNA:

COMMON LAW E CIVIL LOW

 

I

n Gran Bretagna mentre il diritto romano (Civil law) era  considerato solo oggetto di studio e la “Civil law” era applicata nelle corti ecclesiastiche e in poche altre corti speciali, vigeva la applicazione della Common Law. Ma non erano pochi gli addottorati in “Civil law” che uscivano dalle Università inglesi che comunque non potevano competere con Padova e Bologna.

Common law è il diritto autoctono e consuetudinario comune a tutti i sudditi inglesi e del Galles e a tutte le materie trattate nelle corti di giustizia inglesi che si erano andate man mano organizzando sin dalle origini, unitamente all’istituto della giuria: questo diritto consuetudinario era formato anche dal diritto romano.

I romani infatti in Britannia avevano portato la loro lingua e i loro costumi e il loro diritto, e Settimio Severo (146-211) vi aveva mandato come Prefetto Emilio Papiniano e con lui, come assessori, Paolo e Ulpiano.

La milizia romana che vi stanziava durante l’impero di Arcadio Imp. d’Or. 377-408) e Onorio (Imp. d’Occ. 384-423), era stata richiamata in Italia aprendo cos’ì la strada ai Pitti e agli Scoti  e i Britanni non potendo fare affidamento sull’aiuto dei romani, fecero ricorso agli Anglo-Sassoni i quali dopo averli aiutati a liberarsi dei Pitti e degli Scoti, li soggiogarono instaurando le loro leggi.

Solo con la conquista normanna (1067) e con Enrico I e Stefano, suo successore, ritornarono le leggi romane alle quali se ne faceva riferimento all’accademia di Canterbury (1102), e si fa rilevare (cit. Asti), che non poteva trattarsi che del diritto di Giustiniano che non si era mai smarrito (Asti ritiene una favoletta quella del ritrovamento delle Pandette da parte di Lotario o del saccheggio di Amalfi da parte dei pisani (1135-1136),  e aggiunge che, più o meno nella stessa epoca (1139 circa ) a Oxford nella “domus” di Teobaldo, arcivescovo di Canterbury, troviamo il Magister Vacario (longobardo di origine) dal quale correvano studenti ricchi e poveri, che, per soddisfare le esigenze di costoro e per redimere le controversie di qualsiasi genere di controversie, compendiò il Codice e il Digesto in nove libri Liber pauperum” (1149).

Paul Koshaker (1) riferisce che Lanfranco (arcivescovo di Canterbury e cancelliere di Guglielmo il Conquistatore), del quale era stato scritto che era “eruditus et in scholis liberalium artium et legum saecolarium”, ebbe legami con la scuola giuridica di Pavia, “per cui alla corte del re certamente si sapeva qualcosa del diritto romano”; e fa anch’egli riferimento a Vacario, scolaro dei glossatori, il quale verso il 1139  aveva insegnato per qualche tempo diritto romano a Oxford.

Koshaker precisa che in quei paesi (il riferimento è all’Inghilterra) “l’idea del diritto imperiale non poteva avere , e questo già nel XII sec., alcuna forza di propaganda, giacché in essi l’impero romano occidentale della nazione germanica, veniva respinto sempre più, sia nella letteratura pubblicistica, sia nell’opinione pubblica”.

Negli anni ottanta del 1500, vi era giunto dall’Italia Alberico Gentili cultore del diritto romano, il quale aveva ottenuto l’insegnamento di questa materia alla Università di Oxford, da dove era stato costretto ad allontanarsene con il padre e il fratello Scipione, per motivi religiosi.

Egli non appena aveva avuto l’insegnamento, si era messo in polemica con gli altri insegnati in quanto, contrario allo studio linguistico e filologico del diritto, sosteneva l’autonomia dell’arte legale dalle discipline storiche e sermoniali: sosteneva infatti, contro i cultori della “parola”, il “senso” del testo giuridico, tesi che aveva trasfuso nell’opera “Dialogi de juris interpretibus sex” (1582).        

Originariamente in Gran Bretagna, la giustizia era fortemente centralizzata in quanto, a parte i pochi casi (nisi prius) in cui il giudice del re decideva che il giudizio si svolgesse sul posto, per il resto essi venivano celebrati presso la Curia Regis a Westminster.

Ma il sistema creava problemi a causa delle difficoltà per le parti e difensori che dovevano recarsi nella capitale, ed esso fu modificato con l’istituzione degli itinerant justices  (i “missi dominici istituiti da Carlomagno, che portavano la giustizia del re, poi imperatore, in tutti gli angoli del regno-impero: v. in Riv.: Articoli: Carlomagno e l’Idea dell’Europa”).  

I giudici itineranti (itinerant justices), operanti già dal tempo di Guglielmo il Conquistatore (battaglia di Hastings 1077), istituzionalizzati da Enrico II (1154-1180), si recavano con regolarità, in tutte le parti del regno per amministrare la giustizia del re, con il compito di trattare le cause civili e penali della Corona, acquistando poi competenza generale in tutte le controversie pendenti innanzi alla Curia Regis.

Il paese fu diviso in “circuits” (“county courts) dove risiedeva uno “shire- reeve” o “sheriff” (era già presente prima della conquista normanna, e aveva sostituito l’alderman) al quale era riservato il compito di eseguire le sentenze, convocare la giuria,  sovrintendere alle elezioni parlamentari,

Le giurie furono istituite nel XII sec. ed erano costituite da elementi che non solo conoscevano i fatti che dovevano essere giudicati ma anche le consuetudini locali che i giudici avrebbero applicato al caso in esame in nome del re.

I giudici al loro ritorno a Westminster esaminate e selezionate le varie consuetudini locali, realizzarono un sistema uniforme di regole valido per tutto il paese, che costituì la common law. Si passò quindi alla applicazione dello “stare decisis  che comportava che la regola (rule) che era servita a decidere una controversia, veniva  applicata dagli altri giudici che esaminavano casi analoghi e in questo modo si andò a formare la “common law of England” che costituiva la legge comune a tutto il paese e che nulla aveva a che fare con il diritto romano.

La regola (rule) che era servita alla decisione di una controversia, aveva però portato a un sistema processuale rigido, con la conseguenza che il diritto sostanziale era subordinato al rimedio procedurale per farlo valere, fondato su un formalismo definito “remedies procede rights” vale a dire subordinato e condizionato dal “writ” (ordine di comparizione emesso dalla cancelleria), che veniva concesso all’attore.  

Ma essi (writs) erano limitati in quanto nel medioevo i baroni facevano pressioni sulla corona per tenerne ristretto il numero, in quanto la maggior parte delle azioni erano normalmente dirette nei loro confronti.

TRutti i “writs” erano limitati al “writ of trespass” (azione per atto illecito) “writ of debt” (azione per il recupero di credito)  writ of detinue” (azione per ottenere la restituzione della cosa mobile detenuta da altri), con la conseguenza che tutte le altre situazioni rimanevano senza tutela giuridica.

Un temperamento a questo sistema, suggerito dalla massima “ubi remedium ibi ius”, fu apportato dallo Statute of Westminster (1285), per cui quando l’ufficio del Cancelliere (Chancelor) non rinveniva un “writ” per proporre l’azione, ne emetteva un altro basato su casi analoghi ad altri emessi in precedenza.  

Il rigido formalismo che comportava gravi ingiustizie, portò allo sviluppo della “equity  termine intraducibile che non corrisponde alla “aequitas” del diritto romano (che contrariamente alla prima, non costituisce fonte di diritto), col quale si sviluppò un procedimento parallelo, venendo a costituire fonte sussidiaria integrativa del diritto inglese.

Infatti, le parti che si trovavano senza tutela, incominciarono a rivolgere delle suppliche (petitions) al re, prima fonte di giustizia, che affidava i casi al Chancelor il quale decideva “secondo coscienza” (equity).

Queste decisioni diedero luogo alla creazione di una giurisdizione speciale  (Chancery court) distinta e spesso in contrasto con la common law court, e a un insieme di regole (rules of equity) separate e a carattere complementare e integrativo della common law: con la conseguente dicotomia del sistema in common law ed equity, tra cui si giunse a una lotta senza quartiere (XVII sec.), collegata alla contesa tra le tendenze assolutistiche della monarchia che si appoggiava alle “courts” a lei fedeli (tra le quali la Court of Chancery), ricorrendosi all’occorrenza anche al sostegno del diritto romano (assolutista!), e le resistenze del Parlamento (che come si vedrà in Riv.Storica Virt., Articoli: L’Inghilterra dai Tudor agli Stuart, mentre aveva perdonato l’assolutismo di Elisabetta I, aveva fatto tagliare la testa a Carlo I), coalizzato con le “courts di common law, non intendeva consentire forme assolutistiche, e alla fine si decise (1612) che le regole dell’equity dovessero prevalere su quelle della common law .

Per l’equity  in cui era insito il concetto evolutivo (mentre la common law  secondo i giudici conteneva norme esistite da sempre), si giunse al principio dell’applicazione della dottrina dei  precedents”, col risultato che la Chancery perse completamente il carattere di “corte di coscienza”.

Anche la procedura seguita presso la Chancery court era diversa o addirittura opposta a quella applicata davanti alle corti di common law: questa infatti era orale, accusatoria e pubblica e prevedeva la presenza della giuria, mentre la prima, a carattere inquisitorio, nel diritto sostanziale applicava norme di diritto romano e diritto canonico, era segreta e scritta, non prevedeva la giuria e l’esecuzione della sentenza (la decisione era definita “decree e non “judgment”), assicurava l’imprigionamento del contravventore (gli avvocati ancora oggi spesso sono distinti in common lawyers ed equity lawyers) .

Il sistema giuridico moderno è fondato sui Judicature Acts (1873-75) che aveva previsto due diversi ordini di regole e di rimedi da parte degli stessi organi giudiziari, con la conseguenza che sono gli stessi giudici ad applicare i due diversi sistemi. E, nel caso di conflitto tra le regole della common law e quelle dell’equity, sono queste ultime a prevalere.   

 

1) Paul Koshaker: L’Europa e il diritto romano,Sansoni, Firenze,  1962)

 

 

IN GERMANIA

 

T

ocqueville (1), spiega che alla fine del medioevo il diritto romano divenne il solo studio dei giuristi tedeschi che formavano la propria cultura nelle università italiane.

In Germania, nel medioevo era applicato il “diritto germanico”: con cui si intendeva diritto e istituzioni che traevano origine dagli usi e costumi della Germania nei tempi anteriori alla introduzione del diritto romano e del diritto canonico, diviso in due parti: diritto privato  (Deutches privatrecht) e diritto pubblico (Deutches staatrecht). Quest’ultimo abbracciava a volte anche tutte le altre istituzioni politiche dell’impero germanico.

T. scrive che in seguito agli studi, gli studenti tornati in patria col titolo di “dottori”,  con le nuove idee acquisite dai glossatori italici, poiché avevano il compito di interpretare e applicare le leggi, procedettero alla demolizione del diritto germanico e se non potettero abolirlo, lo deformarono per farlo rientrare nel diritto romano, applicando le leggi romane a tutto quanto nelle istituzioni tedesche sembrava avere qualche analogia con la legislazione di Giustiniano.

Il celebre autore richiama l’esempio originario della contea del Würtemberg nata come contea nel 1250 fino alla nascita del ducato (1495), dove la legislazione  autoctona, composta di consuetudini e di leggi locali fatte dalle corti feudali, aveva subito quel cambiamento (soltanto nelle questioni  ecclesiastiche si applicava il diritto canonico, che era straniero), e dal 1495 il diritto germanico cambia in seguito alla costante penetrazione del diritto romano.

I “dottori” che avevano studiato giurisprudenza nelle scuole straniere, scrive T., entrano nel governo e si impadroniscono delle Alte corti di giustizia, anche se la società politica li combatte. Nella Dieta di Tubinga (1514) e successivamente, i rappresentanti della feudalità e i deputati delle città, presentano ogni sorta di rimostranze nei loro confronti attaccando tutti i giuristi che fanno irruzione in tutti i tribunali e cambiano lo spirito e la lettera di tutti gli usi e di tutte le leggi precedenti.

In un primo momento sembra che non riescano a spuntarla in quanto il governo promette che saranno messi nei tribunali supremi, non i “dottori”, ma solo uomini scelti tra la nobiltà o nel ducato, e una commissione composta di delegati del governo e di rappresentanti degli Stati avrebbe elaborato un progetto di codice atto a servire tutto il paese.

Il tentativo è inutile: il diritto romano (*) finisce con lo scacciare completamente il diritto nazionale mettendo radici ovunque fosse stata lasciata la legislazione nazionale. Nelle università, tranne il diritto feudale, il diritto romano sostituisce completamente il diritto germanico, e sebbene non fosse più insegnato, nel secolo XVImo era stato raccolto tutto ciò che rimaneva delle leggi franche, alemanne, sassoni e gli “specchi” (raccolte: Sachsenspiegel-Schwabenspiegel), dalla Francia ai Paesi Bassi, all’Italia e altre parti d’Europa.

Questo trionfo del diritto straniero su quello nazionale, spiega T., è attribuito dagli storici tedeschi a due cause: 1. al movimento che trascinava in quel tempo, tutti gli spiriti verso le lingue e letterature dell’antichità; 2. all’idea

che aveva sempre dominato nel medioevo tedesco e che si faceva strada anche nella legislazione di quel tempo, in base alla quale il Sacro Impero, essendo la continuazione dell’impero romano, doveva essere anche l’erede delle sue leggi.

Ciò però, non spiega, scrive T., come mai lo stesso diritto sia penetrato nella stessa epoca, contemporaneamente in tutto il continente.

La spiegazione, scrive T., è che in quel periodo si stava affermando il potere assoluto dei principi sulle rovine delle vecchie libertà europee, e il diritto romano, diritto di schiavitù, coincideva a meraviglia con i loro intendimenti.

Il diritto romano, conclude T., che ovunque ha perfezionato la società civile ha teso a degradare la società politica perché è stato principalmente l’opera di un popolo civile e molto asservito.

I re lo adottarono  con entusiasmo e lo introdussero ovunque fossero padroni.

In Europa gli interpreti di quel diritto divennero loro ministri o i loro principali agenti. All’occorrenza i giuristi fornirono loro l’appoggio del diritto contro lo stesso diritto.

Vicino a un  principe che viola le leggi è rarissimo che non vi sia un giurista il quale assicura non esserci nulla di più legittimo, dimostrando dottamente che la violenza è giusta e che l’oppresso ha torto.

Agli inizi dell’800 si stava facendo strada negli studi del diritto romano medievale Friedrich Karl Savigny (1779-1861) il quale stava preparando i volumi della “Geschichte des römischen Rechts in Mitteralter” (Storia del diritto romano nel Medioevo), dal Thibaut, in una recensione dellAllgemeine Literatur-Zeitung (1804) viene elogiato come uno degli eletti del diritto civile e dallo stesso Thibaut verrà invitato (1814) a preparare un Codice civile germanico comune, che Thibaut vedeva “modellato sul diritto razionale che comunicandogli il suo carattere di universalità lo avrebbe reso applicabiole a tutti i popoli e superiore a tutte le differenze di tempo e di luogo”.

La risposta di Savigny sarà il celebre “Von Beruf unsrer Zeit für Gesetz-gebung Rechts-wissenshaft” (Scienza del diritto per la formazione delle leggi) che con l’articolo che inaugurava la Rivista (1815) “Ueber der Zeitschrift für geshichtliche Rechtswissenschaft (Sulla Rivista per la scienza storica del diritto), costituirono il manifesto della “scuola storica” (alla quale si opporrà la scuola antistorica o filosofica dell’inglese John Bentham) che si rifaceva alle fonti, nel senso che “il diritto non si deve dedurre più da principi astratti, ma da dati normativi, storicamente accertati e interpretati, da cui si ottengono costruzioni sistematiche”, il cui merito il Savigny lo attribuiva al suo maestro Hugo.

Una intensa critica della dottrina della scuola storica fu esercitata da Rudolf von Jhering (1818-1892) nello  “Spirito del diritto romano nelle diverse fasi  del suo sviluppo” (Der Geist des römischen Rechts auf den verschiedenen Stufen seiner Entwicklung), pubblicato nel 1865.

Egli infatti sostiene che l'affermazione di questa scuola secondo cui il diritto romano faccia parte integrante del diritto germanico contrasta con l'affermazione della nazionalità del diritto. Il principio supremo del diritto è infatti l'universalità, e non la nazionalità; il diritto romano che è opera meravigliosa dell'ingegno umano, risponde al requisito della universalità e questo spiega la sua applicazione in tutti i paesi civili e la sua perenne vitalità, e in ciò consiste il fondamentale principio della scuola giusnaturalista e la giustificazione del suo atteggiamento anti-storico.

Seguiranno infine gli studi  sul diritto romano-bizantino condotti da Morteuil e Zachariä von Lingental seguiti da Bernhard Winscheid (1817-1892), che portano quest’ultimo a pubblicare il “Manuale del Diritto delle Pandette” (Lehrbuch der Pandektenrechts),  intendendo per Diritto delle Pandette il diritto privato comune germanico di origine romana  di derivazione però, romano-bizantina, che applicato fino a quel momento, costituì la base della elaborazione (1874-83) del primo Codice civile germanico (v. in Schede: Storia della storiografica bizantina), che con i successivi aggiornamenti  ha dato risultati che certamente sono ben diversi da quelli del tutto negativi che, come vedremo, abbiamo avuto in Italia.

 

 1) Alexis de Tocqueville (1805-1859): L’ancienne régime et la révolution.

*) Anche il diritto penale subisce rimaneggiamenti; nel 1532 fu promulgata a Ratisbona la “Constitutio criminalis, rectius,Capitalibus judicis constitutio (col nome di “Carolina”, ma l’imperatore Carlo V l’aveva solo firmata senza aver apportato alcun contributo) che è all’origine del diritto penale germanico.

Questa “Constitutio era già stata elaborata dai primi del 1500 e fu ricalcata sullaConstitutio criminalis Bambergensis (redatta dal barone Johann von Schwarzenberg nel 1507).

Essa era fondata sul diritto romano e canonico e non fu facile farla digerire ai principi tedeschi in quanto le leggi in vigore erano fondate sul diritto germanico che essi stessi applicavano. Una volta però introdotta divenne “comune” e quindi applicabile a tutto il territorio dell’impero.

Con questa “Constitutio” cessa il diritto di farsi giustizia da sé, cioè il diritto di punizione  per essere stato leso il diritto altrui e viene introdotto il principio che la punizione del diritto leso spetta allo Stato che interviene perché è stato leso un diritto pubblico. Alla persona offesa dal reato spetterà invece il risarcimento del danno.

Relativamente al diritto di prova, ai precedenti metodi di prova previsti dal diritto germanico si sostituirono norme relative a prove e indizi materiali.

Sulla punizione dei reati però non si faceva alcun passo avanti: erano previste le precedenti pene invalidanti come il taglio delle orecchie, del naso, della enucleazione degli occhi, lo stroncamento delle dita  e delle mani e i supplizi previsti dal diritto canonico e applicate dalla Santa (!) Inquisizione, come quello della ruota, dell’attanagliare con tenaglie roventi, dello stritolare le ossa ed altro, e rimaneva comunque la pena capitale di morte, con la decapitazione.

 

 

GLI SVILUPPI NEGATIVI

IN ITALIA

 

 

G

 gli articoli di Verri, come abbiamo detto,  non avevano suscitato nessuna reazione e gli studi di diritto romano in Italia (per le scuole medievali v. nota 1 del par. relativo al Ragionamento sulle leggi civili: Le scuole pre-irneriane e pre-bolognesi), erano proseguiti tranquillamente e senza scosse, con ampia produzione bibliografica nell‘800 e ‘900 (ricordiamo il Corpus Juris di Giovanni  Vignali  1862, nella versione latina con traduzione a fronte; gli studi del Betti, De Ruggero e tantissimi altri), e il  diritto romano estratto dalle Pandette ha continuato ad essere considerato non come diritto bizantino proveniente dal diritto romano, ma come diritto romano tout-court. Con la precisazione che l’unico (a quanto è dato sapere), che avesse specificamente richiamato l’attenzione sull’origine bizantina delle Istituzioni di Giustiniano era stato il prof. Ortolan (1), docente presso l’Università di Parigi verso la metà del 1800.

Dobbiamo subito dire che, come abbiamo visto relativamente alla Germania e alla stessa Francia, l’applicazione del diritto romano, seppur bizantino, ha sortito effetti ben diversi da quelli ottenuti in Italia. 

Esso ha costituito materia fondamentale nelle numerosissime facoltà di giurisprudenza delle università italiane (negli anni passati il corso era addirittura biennale), ultimamente cresciute a dismisura e sul cui numero, per mera serietà, occorrerà intervenire con una drastica eliminazione,  e della succedanea di scienze politiche, tra le facoltà umanistiche (seguita dalle letterarie...ed ora anche di scienza della comunicazione ...che non mena a niente!), tanto affollate quanto oramai improduttive (a scapito delle facoltà scientifiche), e la materia è da considerare tra le più deleterie per la formazione degli studenti anche se Koshaker (L’Europa e il diritto romano, cit. Ed. Sansoni) sostiene “non ritengo che il diritto romano sia arrivato al punto di scomparire come disciplina giuridica; spero di aver dimostrato  che vi è ancora la possibilità di farne una parte vitale  della formazione di ogni giurista, conservandogli così la sua  funzione storica che è quella di fare da intermediario fra i grandi sistemi di diritto privato europeo, i quali, in definitiva, si sono diffusi in tutto il mondo”.

In esse sono forgiate le future classi professionali e dirigenti, e  tra costoro, i burocrati dell’apparato amministrativo dello Stato (la percentuale dei laureati che in Itala  entra nella pubblica amministrazione è del 50%), i legislatori e i magistrati, che maturano una mentalità vetero-bizantina, infarcita di retorica e  formalismo: insomma, a dirla in maniera chiara, i giovani laureati, con gli insegnanti che sono i più vecchi in Europa, vengono fuori da queste università con una mentalità già vecchia e superata.

I risultati sono sotto gli occhi di tutti: con i burocrati  che bloccano tutto il lavoro amministrativo dello Stato e ciò non permette il necessario sviluppo del paese; i legislatori (che Montanelli chiamava legulei...nel senso deteriore del termine), non sanno dare codici da cui emerga una vera e propria certezza del diritto e siano tali da far funzionare speditamente la macchina della giustizia; e i magistrati  che scrivono sentenze  ottocentesche, spesso  indecifrabili, prolisse (2) e contraddittorie, dove ognuno può prendere a suo piacimento, il dritto o il rovescio della medaglia.

Queste sentenze, sono purtroppo commentate solo nelle parti in diritto, e nessuno si permette di criticarle nei loro risvolti formali negativi (perché la critica, in un paese come il nostro, fondato sull’ipocrisia, è anestetizzata da motivi corporativi e/o carrieristici), critiche ovviamente costruttive (come vogliono essere le presenti, che non hanno permesso la pubblicazione in una rivista specializzata: essendo stati invitati a eliminarle, non abbiamo inteso farlo!), che servirebbero a stimolare i magistrati ad esprimersi, evitando il vecchio linguaggio curialesco, che andrebbe sostituito da una terminologia chiara, comprensibile e sintetica (2) e possibilmente evitando i ragionamenti  contraddittori che emergono sempre, con una prima parte in cui si illustra il “contro” e una seconda parte in cui si illustra il “pro”!

La incertezza del diritto positivo, costituisce un handicap tutto italiano, fondato su codici farraginosi, improntati a inutile ed eccessivo formalismo, aggiornati con novelle apparentemente riformatrici e semplificatrici,  che li complicano ulteriormente, e si ripercuotono non solo sulla chiarezza ma anche sulla durata dei processi che con l’intento di abbreviarli, si allungano a dismisura (è qui si trova la chiave del problema che blocca la giustizia, non altrove!), e il più delle volte si risolvono in una bolla di sapone.

Non sono pochi infatti  i processi che dopo anni di lavoro e di costi per lo Stato, sono annullati per qualche vizio di procedura (ricordiamo il famoso processo di mafia annullato in Cassazione - dopo tre gradi di giudizio - perché in  un verbale di primo grado non era stato indicato il nome del Pubblico Ministero... con la felicità dei mafiosi, tutti assolti!).

Se si vogliono inserire norme di nullità si deve evitare di pre-costituire l’arma segreta per far saltare l’intero processo alla fine dell’iter.

Basterebbe stabilire che le nullità debbano essere rilevate nella prima udienza successiva al loro verificarsi, dando al giudice la possibilità di provvedere a eliminarne la causa...disponendo che se non tempestivamente eccepite, “si hanno per decadute”. Elementare Watson!

Ma non ci illudiamo neanche di sperare in disposizioni elementari, perché  in Italia non si arriverà mai ad avere semplificazioni a causa della  formazione anzi de-formazione di chi è stato educato a rendere difficile il facile, attraverso l’inutile!

L’Italia, considerata retoricamente “la patria del diritto”, in materia di amministrazione della Giustizia ha il primato del 181esimo posto nel mondo (a livello dell’Angola), mentre gli altri paesi europei mediamente sono classificati tra i primi cinquanta; e per la durata siamo al 150mo!

Stiamo vivendo un’epoca di pieno disfacimento dei valori morali e di dignità della persona, incrementato da una TV spazzatura che per aumentare “l’audience” esalta personaggi raccolti dalle periferie o che acquistano notorietà per aver commesso dei reati (estorsioni ed altro!), presentati come personaggi di successo... con  bell’esempio educativo per le giovani generazioni!

Il paese è ad alta vocazione di criminalità, con ampia diffusione di truffe, piccole e grandi, di reati finanziari, di corruzione, concussione e peculato, cresciuti a dismisura (del 229% nel 2o1o), e di illegalità che ritroviamo a tutti i livelli, con infiltrazioni di mafia e camorra nei gangli vitali delle istituzioni, della pubblica amministrazione e della politica.   

In questo poco edificante contesto, la Giustizia che dovrebbe dare il meglio di se non funziona, con un arretrato di una diecina di milioni di processi penali e civili per i quali non si trova di meglio che fare leggine tappabuchi, in negativo, come è successo con la proposta del c.d. processo breve (sia chiaro: visto dall’ottica di un giurista!), che invece di rendere giustizia, come si dovrebbe in un paese civile, si decide di eliminarli...solo perché, è stato detto, la loro percentuale è molto bassa (pari all’1%!)!

Insomma, invece di offrire i mezzi per abbreviare il processo e renderlo più efficiente e più spedito, si ricorre alla beffa della eliminazione processo…perché lo Stato non è in  grado di farlo svolgere in tempi brevi.

Con risvolti negativi nei confronti della stessa società civile che vedrebbe assolti malfattori, imputati di reati finanziari (si pensi ai reati degli amministratori di note società fallite e banche truffaldine, che hanno lasciato un buco da 5omld.di euro, tolti dalle tasche dei risparmiatori, azzerati con un colpo di spugna), come se la colpa fosse dei risparmiatori che hanno investito in quelle società per fare andare avanti l’economia del paese.

E’ evidente che queste sono soluzioni da paese sottosviluppato e non dell’ottava potenza mondiale, come si vanta di essere l’Italia!

E le riforme? Dietro la parola riforma c’è il vuoto!  Tutti le invocano (in via generica!), da destra e da sinistra, senza però chiarire di quali riforme si tratta: e a volerne fare un elenco sarebbe senza fine se si vuole arrivare alla modernizzazione del paese!

Tra queste è evidente che vi è la riforma della Giustizia, riforma che dovrebbe essere a tutto campo, ma non si è fatto altro che parlare di uno dei suoi aspetti,  neanche principale, quello della divisione delle carriere dei magistrati. 

Nessuno invece ha mai toccato uno degli aspetti più importanti, quello della riorganizzazione e accorpamento degli uffici giudiziari (che comporterebbe la eliminazione di varie sedi improduttive), tema mai affrontato dai Governi di qualsiasi colore e non  toccata da quella specie di riforma dell’Ordinamento giudiziario fatta con governo di centro-sinistra.

Abbiamo perso ogni speranza!: non sappiamo se quella in preparazione sarà una vera e propria riforma, o ne porterà solo il nome, perché vediamo già pronti ad insorgere gli interessi corporativi, che non permetteranno avvenga alcun cambiamento.

Vi è poi la necessità di una seria riforma dei codici per i quali non si è ancora capito che occorre finirla con l’eccessivo formalismo e con  il regime delle nullità che se inserite per la garanzia di un giusto processo, si risolvono nella negazione del diritto.

Purtroppo in Italia quando si interviene per migliorare, l’effetto è sempre contrario (3): se p.es. prendiamo il codice di procedura penale in preparazione, da quanto risulta, è ancora più farraginoso dell’attuale in vigore …e se i risultati sono questi ...sarà meglio lasciare le cose come stanno.

E certamente i processi penali neanche si prova a snellirli nelle discussioni finali, dove tutti gli attori (avvocati, che spesso esordiscono con la solita frase: sarò breve, e poi parlano per ore, e pubblici ministeri) si beano della propria pomposità, retorica e prolissità pensando di fare sfoggio di cultura con citazioni ad effetto, di Shakespeare, Nietzsche o Platone, nell’assenza di intervento dei Presidenti che se li sorbiscono, invece di richiamarli alla sintesi e all’essenziale! 

In Italia non si è mai preso in considerazione il reato di “offesa alla Corte” che troviamo nel processo nord-americano, che dovrebbe essere inserito nel nostro sistema civile e penale, come offesa al giudice, ma rilevando la norma direttamente dal processo americano, perché se dovesse elaborarlo il nostro legislatore chissà quale mostruosità verrebbe fuori.

Anni fa (1999) si era persa anche l’occasione del giudizio di “equità” (il diritto del caso pratico) su cui è fondato il diritto anglo-americano, che si era tentato di introdurre nei giudizi dei giudici di pace: e sarebbe servito poi a estenderlo alle altre giurisdizioni, ma il tentativo si è scontrato con la mentalità italiana che tende verso la teorica dottrinaria piuttosto che verso il caso pratico. Il risultato è quello di sentenze prolisse che si contorcono intorno alla interpretazione dei vari articoli di legge.

In proposito è da dire che il tanto criticato Giustiniano una cosa giusta l’aveva detta: che la legge va applicata non interpretata. Sono le interpretazioni (non solo dei giudici di pace)  (4) che portano al caos della giurisprudenza che è sotto gli occhi di tutti.

I codici, per finire su questo argomento che non troviamo neanche tanto gradevole, devono essere opera di pratici del diritto, possibilmente illuminati, vale a dire da parte di chi abbia una visione aperta ma nello stesso tempo chiara delle norme che non possono essere predisposte da teorici del diritto  i quali abituati alle distinzioni sottili e a distillare il pensiero, perdono di vista la realtà e fanno venir meno qualsiasi certezza del diritto. E’ da dire  ciò che ha scritto Verri alla fine del suo saggio sul Ragionamento delle leggi civili: 

“le leggi non sono soggetto di erudizione e devono limitarsi all’essenziale in quanto nulla di esse deve essere inutile”.

Concludiamo augurandoci che quella in preparazione possa essere veramente una seria e grande riforma della Giustizia, fatta da ambedue le forze politiche che rappresentano il paese, di governo e di opposizione, sebbene il clima di astio, di litigiosità e di lotta tra guelfi e ghibellini (in cui sono ancora divisi gli italiani) che negli ultimi tempi si è andata sempre più accentuando, non ce lo lasci molto  sperare.

 

 1) Ortolan scrive (in Spiegazione storica delle Istituzioni di Giustiniano, Napoli 1856) che le Istituzioni di Giustiniano, non furono che una imitazione e per lo più una copia di quelle che le avevano precedute. Le Istituzioni di cui si ha notizia, appartengono tutte ai settant’anni che dividono il regno di Antonino Pio (86-161) da quello di Alessandro Severo (205/8-235) e sono: Istituzioni di Gaio denominate Commentari (in quattro libri); Istituzioni di Fiorentino (in dodici libri); Istituzioni di Callistrato (3 libri); Istituzioni di Paolo e di Ulpiano (ciascuna in dodici libri) e Istituzioni di Marciano (diciotto libri).

Queste secondo Ortolan sono le istituzioni romane nate sul suolo d’Italia sulle rive del Tevere. Le Istituzioni di Giustiniano che vennero trecento anni dopo, egli scrive, non sono che bizantine nate su suolo asiatico sulle rive del Bosforo e l’osservatore illuminato non mancherà di sentire in esse la differenza d’origine, di popolo  e di civiltà. Di tutte queste Istituzioni solo quelle di Gaio e di Giustiniano sono pervenute fino a noi e costituiscono,  le prime la parte alta, le seconde la parte bassa della scala.

Le Istituzioni di Gaio erano emerse nel  medioevo per puro caso: la pergamena su cui erano riportate era stata utilizzata nel periodo delle invasioni barbariche, da un monaco per scrivere le Epistole di s. Gerolamo e il volume era conservato nella biblioteca del monastero di Verona.

Solo nel 1816 Niebuhr e Savigny fecero la scoperta e riuscirono a riportare alla luce la precedente scrittura e così si ebbe conoscenza delle Istituzioni di Gaio nella loro integrità. Si è potuto constatare che le Istituzioni di Giustiniano erano state copiate in buona parte da quelle di Gaio, con la stessa distribuzione delle materie e una infinità di passi identici, ed era stato fatto per essere utilizzato dai maestri  che dovevano insegnarlo ai discepoli. Ciò, scrive Ortolan, che si continua a fare (con l’insegnamento delle Istituzioni (di Giustiniano!)  in Francia), che egli suggerisce di non  studiarlo più scolasticamente,  ma storicamente.

Aggiungendo: studiare le Istituzioni di Giustiniano isolatamente e come legge è un controsenso e una fatica inutile. Esse, suggerisce Ortolan,  andrebbero studiate insieme in quanto in quelle di Gaio troviamo la nazionalità e l’attualità del tempo di Marco Aurelio, in quelle di Giustiniano la nazionalità e l’attualità di Giustiniano e riempiendo l’intervallo con la legislazione pervenuta fino a noi, possiamo ricostruire nelle sue diverse età la società romana.  

2) Ricordiamo che quando negli anni di piombo i brigatisti si rifugiavano in Francia e i giudici italiani facevano le richieste di estradizione, queste richieste si sviluppavano in decine  di pagine  (a detta di uno di quei magistrati), che  per i magistrati francesi abituati alla sintesi divenivano incomprensibili e le richieste di estradizione erano tutte respinte!  Lo stesso deve essersi verificato con la bocciata estradizione di Cesare Battisti (genn. 2011) da parte del Corte Suprema del Brasile che ha lasciato attoniti tutti gli italiani partendo dal Presidente della Repubblica!

3) Di recente sono entrate in vigore le nuove norme del codice di Procedura Civile (2010), con l’intenzione di rendere più spedito il processo civile, ma lo è solo nelle intenzioni: basta la disposizione dell’art. 115 (che stabilisce che il giudice pone a fondamento della decisione...anche i fatti non specificamente contestati  dalla parte che si costituisce). Questa disposizione che apparentemente vuol dare al magistrato la possibilità di velocizzare il processo, ha un risvolto negativo, nel senso che il difensore della controparte si trova a dover contestare punto per punto tutti i fatti addotti dall’attore ...per non correre il rischio di vedersi riconosciuti quelli non contestati!  Per non parlare  delle complicazioni introdotte dall’art. 195 relativo alle CTU. che prima erano  più spedite, ora è previsto che il CTU. manda la bozza del suo elaborato ai CTP.che fanno le loro osservazioni! E ancora le complicazioni dell’art. 275bis sulla testimonianza scritta,  il cui  modello sembra essere stato redatto da un funzionario dell’ex Unione Sovietica. Ma chi  mai studia tali complicazioni?

4) Il risultato è sotto gli occhi di tutti, con  sentenze  dei Giudici di Pace prolisse e linguaggio curialesco che hanno dello strabiliante, in cui  ciascuno cerca di fare sfoggio di scienza giuridica anche  su fatti che la Cassazione ha definito “risibili  e “bagatellari”, riportando come esempio il caso di una sposa alla quale il giorno del matrimonio si era rotto un tacco...la colpa, era stato scritto, era di chi le aveva venduto le scarpe... che era stato condannato a pagare il risarcimento per il matrimonio rovinato!

 

 

GLI ARTICOLI DI VERRI

 

T

ornando al più piacevole argomento dei due articoli di Verri,  come abbiamo detto, la loro pubblicazione non aveva provocato nessuna reazione - e all’epoca si leggeva e le idee circolavano! - neanche una scalfittura, da far ritenere che erano stati completamente ignorati!

Allora, le domande che sorgono spontanee sono la seguenti: Erano stai ignorati per pigrizia mentale degli studiosi o peggio, deliberatamente, per mantenere lo status quo  oramai stabilizzato, o peggio ancora,  per mancanza di basi intellettuali per poterli contestare o criticare?

Gli articoli sono di un certo spessore e la loro lettura non è facile per il modo di  scrivere del tempo. Abbiamo cercato di riproporli,  riassumendoli nelle parti più incisive, con l’intento di una maggior diffusione dell’argomento, che avrebbe bisogno dopo circa un secolo e mezzo finalmente di essere affrontato - nel bene o nel male!

E, se il Verri fosse nel giusto, come molto umilmente riteniamo possa esserlo, sarebbe giunto il momento di liberarci una buona volta di questo diritto romano-che-tale-non-è, e che tanti danni ha procurato (nei termini de-formativi innanzi espressi, di distorsione retorica e formalista), sostituendoli, dal punto di vista storico, alla luce degli approfondimenti relativi agli sviluppi successivi a Giustiniano, operati dall’imperatore Basilio I (v. Articoli: cit. I mille anni dell’impero ecc. Cap. VII) in poi, che avevano dato luogo a quel corpus recepito, dopo la caduta di Costantinopoli (1453), dall’impero ottomano.

E, dal momento che il passato non si può cancellare e la storia del passato deve  servire per il futuro, come maestra di vita, si renderebbe necessaria una nuova storia del diritto romano sulla base delle Istituzioni di Gaio oppure una storia del diritto romano-bizantino...tutta da scrivere!

 

RAGIONAMENTO

SULLE LEGGI CIVILI*

 

E

’ noto che la raccolta operata da Triboniano per incarico di Giustiniano (v. Articoli: I mille anni dell’impero ecc. Cap. III), conosciuta come Corpus Juris è distinta in Digesto o Pandette, Codice, Novelle e Istituzioni.

Il Digesto raccoglie le proposte di trentasette giuristi romani vissuti al tempo di Augusto e successivi imperatori a casi ad essi sottoposti con commenti che essi fecero alle antiche leggi romane, massimamente agli editti dei pretori che ne costituivano la maggior parte.

Questi frammenti dell’antichità sono disposti per titoli, divisi per materie.

Il Codice raccoglie le costituzioni degli imperatori da Adriano (56-138) fino a Giustiniano (n.428 - imp.527- 565), quindi cinquantaquattro legislatori.

Queste costituzioni o sono sentenze di casi particolari, come avveniva quando gli imperatori giudicavano cause private, o sono lettere imperiali dirette ai presidi delle province, ai prefetti del pretorio e agli altri magistrati.

Le Novelle sono costituite da sessantt’otto proclami promulgati da Giustiniano dopo la raccolta, esse mutano, si evolvono limitano, estendono confondono la compilazione (del Codice).

Le Istituzioni (*) sono l’unico vero codice in quanto contengono gli elementi del diritto, preso per regole generali e senza ricorrere a casi particolari.

Vi si spiegano in massima e vi si danno in stile legislativo i principi per decidere le questioni.

Furono compilate per l’istruzione dei giovani e sono un estratto delle Pandette e del Codice. Ecco in cosa consiste la raccolta di leggi romane.

Queste leggi sono piene di riferimenti alla religione, al governo, ai costumi dei romani per i quali furono fatte quindi inadatte o inutili nella massima parte per noi, come ciò che concerne i servi, i liberti, gli ingenui, le manomissioni, le concubine, le sepolture, i luoghi sacri, i funerali, le nozze, la giurisdizione del prefetto, dei vigili, i decurioni, le province, le città i municipi,  il censo, i vettigali (proprietà), le gabelle, le imposte statali, insomma tutto il sistema di governo e di economia, le azioni, le stipulazioni, le chiamate in giudizio rette da formalismo, la patria potestà le successioni intestate dalle leggi municipali  ovunque cambiate, ed altre materie che formano una considerevole parte delle leggi del Codice e del Digesto.

Si comprende facilmente che questo non è un Codice ma una raccolta di un vasto materiale traboccante d’inutilità, di lungaggini, di confusione, di contraddizioni e tale è appunto il codice romano.

Lo stesso dicasi delle Pandette: Sarebbe un codice ben regolato l’ammasso delle risposte in iure dei nostri avvocati - aggiunto qualche pezzo di glossa  e commenti fatti dai nostri dottori alle leggi romane?

Eppure il Digesto è fatto in questo modo.

Un codice dovendo prendere in considerazione le leggi e stare su principi generali e costanti, non può mai essere compilato con vari pezzi di legislazione fatta in vari tempi e per vari casi. Il confuso ammasso di questi frammenti, nati uno ad uno, non faranno mai  un tutto, e un codice deve esser fatto per formare un tutto; è giocoforza affermare che a parte le Istituzioni, non abbiamo nulla che assomigli a un codice.

Questa raccolta di Giustiniano sostituì le leggi franche, longobarde, borgognone e di altri popoli che avevano invaso l’Europa.

Il primo a studiarle dopo il ritrovamento (avvenuto nel 1135/36) non può essere attribuito a Irnerio cfhe insegnava a Bologna (come invece ci hanno fatto studiare nelle Università ndr.), perché  morto prima, nel 1130.

Irnerio a Bologna iniziò con le glosse sulla legge romana che circolava  prima della scoperta (v. in fondo nota 1), seguito dagli altri maestri Giacomo, Martino, Bulgaro, Rogerio Bossiano (o Bassiano), Piacentino, Ugolino, Balduino, Roffredo che ne fecero tante che fornirono ad Accursio (1182-1260) il materiale per compilarne una vasta raccolta.

E così man mano che cresceva il numero degli scolari, si estendeva l’applicazione di queste leggi da lungo tempo sepolte. Ad esse si aggiunsero le allegazioni composte in occasione di cause che costituirono una considerevole parte di legislazione (i cui autori furono Odofredo, Dino Mugellano, Oldrado, poi Bartolo detto lucerna juris, Baldo e Saliceto, i due Rafaeli, Comano e Fulgoso, Immola e il Castrense, Socino, Giasone e tanti altri).

Seguì la turba dei trattatisti, vale a dire di dottori che raccogliendo quanto era stato scritto su una materia nel testo, nei commenti e nei consigli, ne ricavarono dei trattati.

Seguirono i decisionanti che erano altri dottori che prendevano le decisioni dei tribunali sulle diverse materie, le discutevano e trattavano. A questi si aggiunsero gli eruditi che vollero distruggere ciò che aveva fatto l’ignoranza dei loro predecessori.

A quest’opera si accinsero Alciato e dopo di lui Cujacio (2) il cui scopo fu quello di dare ai testi il loro senso, di riportare alla luce l’erudizione romana, di conciliare le contraddizioni, di adoperare una lingua latina meno barbara.

Ma essi non riuscirono nella loro opera in quanto si trovarono di fronte a un lavoro immane di glossatori e consulenti per cui la legislazione continuò ad essere fondata su quelle opere, col risultato che le nostre leggi non sono fondate su quelle romane andate disperse, ma sulle opinioni che si sono ramificate senza fine sulle quali erano fondate le sentenze dei tribunali, spesso contraddittorie.

Ma il rimedio fu peggiore del male perché ogni opera che entra nella folla delle altre accresce  la massa delle opinioni  e non fa una vera riforma e suscita nuove dispute e nuove disquisizioni e nulla più.

“Vorrei concludere”, scrive infine Verri, “dicendo che le leggi non sono soggetto di erudizione e devono limitarsi all’essenziale in quanto nulla di esse deve essere inutile”.

 

1) SOSTITUZIONE DEL DIRITTO LONGOBARDO E DECORSO DEGLI STUDI DEL DIGESTO. Secondo G.D. Romagnosi l’imperatore Lotario II (1137) dopo il ritrovamento delle Pandette (1135), aveva dato disposizioni di sostituire nella scuola di Bologna lo studio delle leggi longobarde con quelle romane.  

Sempre secondo Romagnosi gli studi della giurisprudenza romana, dall’epoca di Lotario avevano seguito quattro periodi: Il primo dei Ripetitori: il secondo dei  Glossatori; il terzo dei Topico-legisti e il quarto dei Filologi.

Il periodo dei RIPETITORI è quello della scuola irneriana (che aecondo Romagnosi sarebbe avvenuto dopo il 1135, considerato che Irnerio era già morto, e quindi è da ritenere che gli studi del diritto romano, come riferiamo in questo saggio, era anche precedente a questa data leggendaria ndr.) che nell’insegnamento ubbidiva con tale scrupolo alla collezione giustinianea che lungi dal pensare a un metodo diverso si conformava ciecamente alla collezione quasi che Giustiniano avesse anche il diritto di comandare alla logica. E siccome Giustiniano con un suo editto aveva vietato ogni sorta di commentari e interpretazioni (a parte i “paratitli che consistevano in illustrazione dei titoli) all’infuori delle strette interpretazioni letterarie, così gli irneriani limitarono le loro interpretazioni a brevi sommari dei titoli e delle leggi e a chiarire vocaboli che avevano un significato oscuro. Per questo motivo i maestri della scuola irneriana non svolgevano altra funzione di quella di ripetitori del testo giustinianeo. 

Il secondo periodo è  quello della scuola di Accursio, definito dei  GLOSSATORI. Azzo (Azone) aveva raccolto le summe e le interpretazioni precedenti e le sue (importanti da tenere sempre a portata di mano onde il detto: “Chi non ha Azzo non vada a palazzo”), seguito dal suo allievo Accursio che riformò il corpo delle glosse e dei commenti fino ad entrare nel merito delle massime della legge e dei testi, confrontando e conciliando, abituando la mente degli studiosi tessere combinazioni e a trarre più ampie conseguenze.  

Il terzo periodo fu occupato dalla scuola di Bartolo alla quale R. dà il nome di  TOPICO-LEGISTI in quanto intenti ad estrarre regole generali dal testo giustinianeo e in tal modo furono intenti ad estrarre luoghi topici  (sistemi di ragionamento) degli argomenti legali successivamente ampliati dai grandi giureconsulti.

Il quarto periodo è occupato dalla scuola di Alciato Milanese e di Ferretto Toscano (oriundo di Ravenna), al quale R. dà il nome  di periodo dei  FILOLOGI, proseguita da Duareno, discepolo di Alciato, illuminata da Gaveano, discepolo di Ferretto, continuata dai celebri professori della scuola di Burges in cui Alciato fondò il gusto per la schietta antichità, propagata dalla scuola di Tolosa resa illustre da Cujacio che vi spiegò tutta la sua erudizione. La grammatica e la filologia coltivate e poste in onore dei Poliziani, Parrasi, Bembi ed Erasmi. venne in aiuto alla giurisprudenza e richiamò la comprensione dei testi alla loro originaria purezza.

Siamo in epoca Rinascimentale e l’insegnamento  nelle Università (non in tutte in quanto il metodo fu pesantemente criticato e osteggiato) fu ordinato sulla base degli studi di Duareno, Donelli, Cujacio  relativi alla spiegazione dei titoli del Corpus giustinianeo, fu disposto che tre diversi professori, nello stesso anno si alternassero nella spiegazione delle tre parti, e l’anno successivo i tre professori scambiavano i ruoli nel senso che il terzo passava a spiegare la prima, il primo la seconda e il terzo la prima.

 

LE SCUOLE PRE-IRNERIANE E PRE-BOLOGNESI. E’ accertato che le glosse bolognesi ebbero inizio con la scoperta dei testi giustinianei e successivamente alla morte di Irnerio.

Ma prima di Irnerio che  aveva promosso la Scuola di Bologna, e delle glosse diciamo così “giustinianee”, come stavano le cose?

Successivamente alle invasioni barbariche che avevano portato la desolazione, tra il VII e IX sec. si ebbero in Italia scuole ecclesiastiche e laicali di grammatica e retorica in cui, sia come parte dell’antica letteratura, sia come completamento degli studi del  trivio, come seguito della retorica,  e del quadrivio, si insegnavano i canoni ecclesiastici e le leggi romane.

Da alcuni autori (Salvioli (1) e Asti in nota*) è negato che lo studio del diritto romano sia avvenuto dopo il ritrovamento delle Pandette che avrebbe dato luogo a una sua rinascenza in quanto esso si studiava già da secoli in particolare nella scuola di Pavia. Le cause, sostiene Salvioli, di un risorgimento dipendono innanzitutto dagli uomini, che vi furono, e gli avidi di sapere,  stanchi  della teologia,  si rivolsero alla poesia e al diritto.

A questo motivo si aggiunsero cause di ordine politico, sorte dall’orgoglio di sentirsi  discendenti dei romani,   ed economico, vale a dire derivante dalla disgregazione dell’ordinamento feudale, non solo, ma anche  dalla lotta per le investiture che in pratica si svolgeva sulle basi della giurisprudenza e della legislazione romana in quanto da una parte i canonisti  vi cercavano la conferma dei privilegi del clero e delle immunità, i civilisti invece, i confini entro i quali le pretese esorbitanti degli ecclesiastici. Intervenne anche  il concomitante sviluppo della economia, della popolazione e della ricchezza cittadina e l’intensificarsi dei commerci e delle relazioni tra le città nonché  il sorgere di un capitalismo usuraio e commerciale che non poteva essere regolato dalle antiche consuetudini ma trovava la sua rispondenza  proprio nel diritto romano.

Le antiche scuole preparavano i notai che imparavano le formule tradizionali della stilistica romana e facevano circolare quanto del diritto romano bastava per i bisogni delle popolazioni romane alle quali era concesso di servirsi fra loro della legge di origine.

Generalmente tale insegnamento connesso con la grammatica e la dialettica piuttosto che con le fonti era parte di quelle trattazioni enciclopediche, care al medioevo, fatte col solo sussidio di glossari e manuali, i più di pessima qualità e di fattura medievale,  e da questi derivavano le comuni notizie sul diritto romano.

Non erano scuole organizzate ma libere e la loro importanza, come la natura e profondità degli insegnamenti dipendeva da chi insegnava.

E’ certa l’esistenza di quella di Roma nell’XImo sec., erede della precedente  voluta da Giustiniano che l’aveva arricchita di privilegi. Gli ostrogoti l’avevano mantenuta a spese del fisco e nei secoli seguenti visse come istituzione privata, anche nel periodo longobardo e franco fino allo spopolamento di Roma causato da continue rivolte, che aveva ceduto il posto a quella di Ravenna. Ne esistevano  a Pisa, a Firenze (a Mantova, Bologna, Milano Verona  e presso il monastero di Nonantola,  a Benevento e Salerno dove si insegnava  diritto romano e longobardo) come anche a Pavia.

Nell’Italia meridionale, invece, si perpetuava una tradizione letteraria “misera” con un basso livello culturale  perché nelle scuole esistenti presso i monasteri non  si studiavano tutte le arti liberali. 

In Francia come scuola di diritto romano vi era Orleans dal IX all’ XImo sec. Lione dal X all’XImo sec.

A Pavia (ricordiamo capitale del regno d’Italia) gli insegnanti di diritto romano ebbero il merito di dare una sistemazione al diritto longobardo applicato dai giudici e causidici palatini. La scuola di Pavia era frequentata da studenti del mezzogiorno della Francia, che terminati gli studi, portavano in patria il gusto del diritto romano e l’uso di manuali  giuridici italiani che rimaneggiati diedero origine al Petri except.- Il libro di Tubinga.

Di Ravenna si hanno notizie nell’XI sec., ma la sua esistenza è precedente. In essa convenivano studenti della Romagna e della Toscana che trattavano scientificamente il diritto romano,ratiocinando, assumendo, colligendo, multimodo, cavillationum argumenta (Pier Damiano). 

Ravenna era per il diritto Romano quello che Pavia era per il diritto longobardo, in quanto in Romagna si erano mantenuti gli usi e le consuetudini e romani erano l’ordinamento  giudiziario e la procedura.

Da tener presente che Ravenna ebbe due periodi: uno bizantino e l’altro post-bizantino con produzione in ambedue i periodi di glosse (clausolae).

La letteratura giuridica di queste scuole, anteriore al XIImo sec.  era consistita in manuali, commenti e glosse sulle cui basi si era formata una tradizione scolastica e letteraria del diritto romano, riconosciuto dai re longobardi  (v. in Articoli: La costituzione del regno d’Italia) che avevano permesso ai notai di redigere  gli atti e i formulari seguendo il diritto romano e il suo uso nei Tribunali e nelle collezioni canoniche.

La conseguenza fu che buona parte della società italiana, prima del mille, visse secondo un diritto romano volgare, dal momento che  i  romani sotto i longobardi non furono spogliati del loro diritto che potevano applicare come legge tra di loro che erano in maggioranza e finì col sopraffare lo stesso diritto longobardo.

In proposito, occorre tener presente che, come già detto, in territorio  longobardo e tosco vi erano intere contrade abitate a maggioranza da popolazioni romane e il diritto romano era applicato come legge territoriale. Il glossatore bolognese Odofredo scriveva: “Ultra Paduam et in Tuscia servatur jus longobadorum e così Baldo. Ma questa affermazione non è da prendere alla lettera in quanto Padova fu città prevalentemente romana, come Genova, Bologna e Modena, Ravenna e le coste adriatiche ove le professioni di leggi longobarde figurano come deviazioni e diritto locale prevalente. E romano fu il diritto nelle isolette lagunari di Venezia e quello prevalente a Roma e nel Lazio. Gli stessi re longobardi proclamarono il diritto romano “lex omnium generalis”.

Per concludere su Irnerio, quando aveva istituito la Scuola di Bologna l’aveva evidentemente impostata sullo studio del diritto romano  pre-giustinianeo che era quello di cui si è parlato nel periodo precedente.

Quanto alla scuola di  Bologna che sarebbe sorta nel 433 per una costituzione di Teodosio, o successivamente per opera di Carlo Magno o per influenza di Matilde di Canossa, si tratta di leggenda sorta nel XIII sec., che comunque conferma l’antichità della scuola che come altre, non era sorta per atto di autorità, ma spontaneamente, in seguito a una serie di concause che ne avevano fatto un centro di studi giuridici quali la questione delle investiture (Federico Barbarossa aveva concesso nel 1158, con la costituzione “Habita”, agli scolari di Bologna, una costituzione autonoma, attribuendone la competenza al loro magister).

Prima di Irnerio a Bologna aveva insegnato Pepo o  Pepone (1106), non molto stimato da Odofredo che di lui aveva scritto “quidquid fuerit de scientia sua, nullius nominis fuit”, ciò che era stato del suo sapere non ebbe alcun nome ...insomma, una nullità!, da altri considerato un ciarlatano che insegnava a vanvera...sta di fatto che Pepo aveva posto le basi della futura grandezza  della Scuola di Bologna. Di altri si son perse le tracce.

Poi giunse Irnerio* (1055/56-1130) del quale non si hanno notizie biografiche, ritenuto di origine milanese o tedesca, pare che insegnasse filosofia (originariamente aveva il titolo di magister in artibus),  l’imperatore Lotario gli avrebbe chiesto di dedicarsi allo studio del diritto, aveva inaugurato il periodo delle grandi glosse grammaticali  e lessicali e delle discussioni dottrinali, passando poi alla glossa sulla legge romana che circolava prima del ritrovamento delle Pandette. Considerato “lucerna juris”,  ebbe come continuatori, detti per antonomasia “i quattro dottori”, Bulgaro “os aureum” (1116) Martino Gosiacopia legum (1116 c.ca),   Jacobo (1178), Ugo da Porta Ravegnana “ mens legum(1178).

 

1)  Giuseppe Salvioli: Trattato di Storia del diritto italiano, Torino, 1908.

* Si tenga presente che, relativamente al ritrovamento delle Pandette nel 1135/36 ad Amalfi o a Molfetta, come abbiamo sopra riferito (par. Gran Bretagna), il giurista A.D. Asti nel testo citato, dedica un intero capitolo alla questione del ritrovamento che, come è riuscito a dimostrare, risulta essere stato inventato di sana pianta sia in riferimento alle date sia agli avvenimenti; Asti dimostra che la conoscenza delle leggi di Giustiniano aveva avuto ampia diffusione, in quanto gli studi sulle Pandette, come abbiamo riferito, si erano diffusi molto prima della fatidica data del loro presunto  ritrovamento. 

 

2) ALCIATO E CUJACIO. Andrea Alciato (1492-1550) insegnò in Italia e Francia, iniziando la sua attività scientifica a ventidue anni. Funzione fondamentale dei suoi insegnamenti fu quella di combattere la communis opinio, A questo scopo fondò la  giurisprudenza culta con l’intento di migliorare l’esposizione dialettica tradizionale e riavvicinarsi alle fonti sottoponendole a critica storica e filologica, fuggendo le inutili prolissità, esponendo concisamente, chiaramente e con eleganza, cercando di eliminare il degrado in cui erano caduti i precedenti interpreti e di scalzare l’autorità dei commentatori.

Queste sue vedute  non solo rimasero incontrastate fino ai tempi moderni,  ma rimasero  inascoltate  in Italia (dove furono accolte da un gruppo di giuristi di grande spessore intellettuale  i quali non trovando spazio in Italia, per la maggior parte andarono a insegnare in Germania) e in un primo momento anche in Francia, dove però furono accolte in seguito alla loro diffusione da parte di Cujacio

Jacopo Cujacio (1522-1590) francese di Tolosa, insegnò a Torino poi a Bourges; si era reso conto  che il Corpus juris considerato come un tutto omogeneo, era  invece prodotto di tempi, autori e scuole  diversi, pensò di scomporlo e ricomporlo. riunendo i frammenti e ricomponendoli in base alle opere alle quali appartenevano. Cercò di ricreare ciò che Triboniano aveva eliminato facendo resuscitare ogni giureconsulto e mostrando che non vi era unità in una compilazione fatta di elementi che spesso si contraddicevano. Restituì integrità e commentò quindi con minuziosa opera esegetica  opere di Papiniano, Paolo, Africano limitandosi alla restituzione del testo con brevi note. Non compose lunghi commenti, si servì della storia e della filologia con parsimonia, con stile sobrio e conciso. Fu insuperabile nelle spiegazioni, nelle analisi  e nelle correzioni, riuscendo a scoprire il senso originale delle leggi e far rivivere con la forza dell’intuizione lo spirito dei singoli giuristi. Le sue “Observationes furono considerate  incomparabili e divine. Dalla sua scuola di Bourges emerse il suo “mos gallicus” antitesi del “mos italicus jus docendi  e suoi seguaci furono Brissonnio, che illustrò le formule romane, Dionisio Gotofredo autore dell’ edizione più diffusa del Corpus juris, Balduino, storico del diritto, Molineo  (Du Moulin) celebre nelle dispute e per la sua violenta opposizione al feudalesimo.

Si delinearono così due tendenze, quella derivante da Alciato che volle essere giurista e formare dei consulenti e quella di Cujacio  che volle essere filologo e i cujaciani vollero emendare e ricomporre i testi e contro Triboniano facevano valere più la pompa dell’erudizione che l’amore della scienza, dichiarando falsa una lezione solo perché contraddiceva le loro opinioni.  Da essi derivarono i c.d. flagellatori di Triboniano che provocarono una  reazione capeggiata da Alberico Gentili.       

La maggior parte degli italiani si mantenne estranea ai movimenti derivanti dai due giuristi rimanendo impigliati nelle pastoie della autorità e dello scolasticismo. Insomma, i giuristi del ‘500 e ‘600, come gli umanisti e letterati,  per  amore dell’antichità si mantennero legati al metodo analitico della casistica  in opposizione al metodo storico-sintetico cadendo nelle infinite distinzioni e limitazioni e mantenendosi nella tenace osservanza della filosofia aristotelica, con l’accumulo delle citazioni, con l’abuso del principio dell’autorità, col risultato che si perse di vista lo spirito critico le cui ripercussioni negative si avvertono ancora oggi a distanza di secoli.     

 

GIUSTINIANO

E LE SUE LEGGI*

 

I

 libri di Giustiniano che formano il Corpus Juris (Pandette o Digesto, Codice e Novelle), presso i bizantini subirono tali mutazioni che furono mandati al bando, perché il diritto romano non era più contenuto in essi ma in altri testi.

Nell’impero bizantino questa messa al bando, avvenne per due ragioni:

La prima, a causa delle nuove costituzioni che furono promulgate dai successivi imperatori (da Giustino nell’anno 566 a Michele Paleologo, nell’anno 1260) con le quali cambiando e correggendo ciò che Giustiniano aveva sanato, avevano introdotto tali cambiamenti e novità che i professori e gli avvocati, abbandonate le prime, seguivano le seconde come fonti nelle quali era riposto all’uso del foro ciò che serviva e alla decisione delle cause, non curandosi più dei Codici di Giustiniano che per il mancato ricorso ad essi, aveva perduto autorità.

La seconda, furono le tante altre compilazioni che seguirono, alcune più ristrette, altre più ampie, fatte dai successivi imperatori, che oscurarono quelle di Giustiniano.

Le più ristrette acquistarono vari nomi: Prochira ovvero Promptuaria, Euchinidia, vale a dire Manualia, Ecloghe o Delectus ovvero collezioni di parti più scelte dette anche Sinopsis, Epitome, cioé compendi.

Le più ampie  andarono sotto il nome di Basilici, (non dall’imperatore  Basilio I, che fu il primo a comporle, ma da βαςιλεύς  imperiale (1).

Sono dieci gli imperatori dai quali le nuove leggi furono promulgate (Giustino, Tiberio il Giovane, Eraclio, Costantino V Pogonato, Leone III Icomonaco, Leone V Armeno, Teofilo e Basilio Macedone, con il figlio Leone VI e Costantino VIII).

Per quarant’anni dopo la morte di Giustiniano, sotto gli imperatori Giustino, Tiberio e Maurizio i suoi libri, così come scritti in latino, ebbero in Costantinopoli e nel foro la loro autorità e il loro vigore. Ma succeduto  Focas (602), principe inetto, che non seppe reprimere le invasioni subite dal suo impero, né seppe conservare le leggi e sebbene non fosse venuta meno l’autorità dei libri di Giustiniano, si videro però trasformati e tradotti in greco e da giureconsulti greci e considerati come nuovo corpo di legge greca, al quale erano aggiunte le Novelle che si andavano divulgando in base alle quali i Codici di Giustiniano cominciavano a perdere l’antico vigore.

Ma ancora una maggiore scossa il Corpus di Giustiniano lo ebbe con le costituzioni e novelle che furono emanate dopo Basilio e i suoi figli. Si contarono fino a diciassette gli imperatori che le emanarono (2).

Le notizie di queste novelle (aveva scritto Giannone) giunsero a noi se non dopo secoli, quando gli studiosi di Francia e Italia le portarono poco alla volta alla luce. Esse comunque non ebbero da noi alcuna autorità in quanto dappertutto primeggiavano i libri di Giustiniano. Dopo molti secoli gli eruditi che le rintracciarono provvidero a tradurle dal greco e furono aggiunte nelle nuove edizioni che si facevano dei codici giustinianei.

Molte ne riportò alla luce Edmondo Buonafede, altre Giovanni Leunclavio e Carlo Labbeo e inserite nel Corpus di Dionisio Gotofredo il quale vi aggiunse le interpretazioni di Enrico Agileo e di Buonafede.

Esse in ogni caso non furono mai utilizzate nei tribunali per la decisione delle cause e quindi non avevano acquistato nessun valore; lo stesso dicasi per i Basilikà. Tra gli imperatori bizantini non ve ne fu nessuno come Leone VI (886-911) figlio di Basilio, amante delle lettere che per lo studio e perizia delle leggi, della storia e della filosofia  fu detto “il filosofo”. Pubblicò 113 Novelle, scrisse libri sull’apparato e disciplina militare, un libro sulla caccia, Oracoli e vaticini di Roma e Costantinopoli, oltre ad aver dato miglior ordine e forma ai testi avviati dal padre.

Il primo quindi ad interrompere il corso delle leggi di Giustiniano fu Basilio che anche con l’aiuto dei figli, Costantino associato all’impero e Leone e Alessandro nominati cesari, avviò la compilazione del Prontuario o Procheyron (Introduzione) contenente norme di diritto da applicare nei casi pratici, nel quale furono raccolte le principali leggi riassunte in quaranta titoli.  

Leone VI non soddisfatto di aver dato forma migliore al Procheyron paterno e di aver emanato tante Novelle, pubblicò una epitome delle leggi che raccoglieva in modo elegante definizioni e regole. Ma il maggiore impegno  lo dedicò ai Basilici. L’opera iniziata dal padre e compilata intorno all’886 distinta in sessanta libri, in sei volumi.

L’opera fu organizzata  secondo lo stesso ordine del Corpus giustinianeo, anche parte della materia, di cui furono presi tredici Editti e Novelle e quelle degli imperatori successivi, eliminando tutto ciò che fosse ritenuto superfluo e superato dal tempo e diversamente dal latino usato da Giustiniano, fu usata la lingua greca. La disposizione della materia era quella data al Corpus di Giustiniano da Triboniano.

Costantino VIII Porfirogenito (905-959) figlio di Leone VI,, come suo padre e suo fratello, volendo oscurare la memoria dei libri di Giustiniano, rimaneggiò i Basilici  paterni  (detti Priori), con  emendamenti e così aggiornati e corretti (pubblicati nel 920), furono detti  Posteriori, ma in ogni caso, la base fondamentale, seppur depurata e aggiornata era sempre costituita dal diritto giustinianeo che continuava ad essere applicato dai tribunali fino a quando (1169) il tribunale imperiale, in una memorabile sentenza, stabilì che le fonti precedenti ai Basilici erano da intendersi abolite ed erano le disposizioni contenute nei Basilici che dovevano essere applicate.

Questa nuova versione pubblicata e conosciuta come Jus greco rimase  in vigore fino alla fine dell’impero bizantino (poi adottato dall’impero ottomano, dopo la caduta di Costantinopoli ndr.).  

Molti furono i giuristi greci che si dedicarono al commento dei Basilici, e vi furono anche giuristi latini indicati da Cuiacio nel suo Index (3), che non si sa bene in quale epoca fossero vissuti, molti dei quali erano omonimi di commentatori del Digesto.

Giannone fa riferimento al “coacervatore di leggi discordanti o antinonìe che fu il patriarca Fozio autore del  Nomocanone, diviso in 14 titoli e pubblicato nell’880.

L’Ecloga dei Basilici, detta Sinopsi, il cui autore sarebbe stato Romano il giovane, figlio di Porfirogenito, fu ritrovato in Taranto che faceva parte dell’impero bizantino ai tempi di Romano e Giovanni Leunclavio la fece stampare a Basilea nel 1576

Antonio Galateo narra che Niceta, filosofo di Otranto, poi monaco basiliano, raccolse molti codici e ne arricchì la biblioteca di quel monastero di s. Basilio, non molto lontano da Otranto (i cui libri erano finiti nella biblioteca del  Vaticano). E’ pertanto da ritenere, scrive Giannone, che a Napoli e in tutte le città greche ad essa sottoposte, erano applicate le Novelle pubblicate  dagli imperatori che erano succeduti a  Giustiniano.

Mentre in Italia, gli studi giuridici furono interrotti dalle incursioni dei saraceni, in Grecia (si noti che Verri non fa nessun accenno ai Basilici) continuarono fino alla Caduta di Costantinopoli, “studi che si svilupparono sulle materie tratte dai libri di Giustiniano, dai quali non poco toglievano e molto vi aggiungevano di ciò che era stato fatto dopo di lui”.

Avvenne che ai tempi di Lotario II (1060-1137) sceso in Italia nel 1132 e 1136 (v. Articoli: I carolingi e la dissoluzione dell’impero), morto mentre rientrava in Germania (1137) furono trovate ad Amalfi o a Molfetta (1135) le Pandette (ritrovamento che come abbiamo detto sopra, par. Gran Bretagna, è stato piuttosto una favola).

E Verri in proposito scrive. Questo ammasso di leggi, monumento di una grande opera mal eseguita, può paragonarsi alle rovine di una grande e informe palazzo; si può dire che non si fece che distruggere. Non solo bastava ridurre tanti volumi in uno solo, ma bisognava fissare i principi generali.

E perché mai, si chiede Verri, raccogliere nelle Pandette  diversi frammenti di Ulpiano e di Paolo? Perché  così venerare alcune risposte ai casi particolari a segno di volerle mandare alla posterità?

E risponde: Un legislatore che per formare un codice non si limita ai principi generali dai quali dedurre tutte le conseguenze per quanto si può, formerà una vasta biblioteca di  - per lo meno - inutili volumi. So che il comprendere nelle leggi tutti i casi possibili non è concesso agli umani legislatori, ma so altresì che migliori saranno quelle leggi che ne abbracciano la maggior parte possibile; perché in una cosa non si può avere la perfezione che fu sempre bandita dalle umane vicende, non si deve trascurare di accostarvisi più che si può.

Non sono certo del parere di quelli che guardano alle leggi giustinianee con una stupida venerazione, la maggior parte dei quali non le hanno neppure avute tra le mani o, se le hanno lette non le intesero in gran parte, ovvero dissimulano il loro interno disprezzo perché profittano della comune idolatria per le leggi romane, diventando ricchi a spese dell’altrui cecità.

Triboniano fu incaricato della compilazione degli infiniti senato-consulti, risposte dei prudenti, costituzioni imperiali che avevano inondato l’impero dopo le leggi delle Dodici Tavole, venute dalla Grecia. Il solo progetto di ridurre questa informe massa  in un volume fa capire  che non si pensava di dare allo Stato delle leggi salutari. Era mutato il sistema di governo, la repubblica divenuta monarchia degenerava in dispotismo e il complesso di leggi fatte in sì differenti situazioni non poteva essere  che confuso ammasso di assurdità e contraddizioni.

Gli occhi di un saggio legislatore non avrebbero visto in quella estesa libidine di giurisprudenza che l’abuso del potere legislativo e un testimone del decadimento della tirannia.

Se ai giorni nostri vi fosse un Triboniano incaricato di compendiare quanto scrissero dopo Giustiniano i repetenti, consulenti, e trattatisti, credete voi che si farebbe un buon complesso di leggi?

Erano le antiche leggi sparse in duemila volumi, ora lo sono certo in numero maggiore. Lavorarono a quest’opera per cinque anni, diciassette delegati dall’imperatore (ed è difficile, commenta Verri trovarne un tal numero!). In tale spazio di tempo non era possibile scegliere giudiziosamente alcuni buoni principi, naufraghi di un mare immenso di ignoranza e confusione. Il pregio dell’opera corrisponde esattamente alla cura che si adoperò e alle non rare contraddizioni che si ritrovano nelle leggi delle Pandette. Così pure nel Codex che oltre alle contraddizioni che ha fra i suoi testi, contraddice anche ad alcune leggi delle Pandette e queste alle Istituzioni e Novelle, che al resto contraddicono, e il ritrovarsi perfino dei testi contraddittori a se stessi, e tutte queste parti che dall’una all’altra derogano e si collidono, bastano per lo meno a farci dubitare della sapienza di quei legislatori.

“Frutti son questi delle antiche sette di Atteio e Capitone, giureconsulti che avevano pareri discordi e che lasciarono dopo di loro uno scisma che abbandonava alla vanità e alla ostinazione di partito un punto dei più importanti alla pubblica tranquillità”.

Si possono riguardare le Pandette come un ammasso di leggi dove regna ora la ragione ora l’opinione, da cui possono ricavarsi molti lumi e molte cognizioni per la formazione di un nuovo volume di leggi, essendovi sparsi di tanto in tanto, tratti di vera filosofia.

Le Istituzioni sono pure l’unico ordinato codice di leggi romane, ma ciò non si può dire del Codice giustinianeo in cui sono raccolti gli editti degli imperatori cominciando da Adriano, fino a Giustiniano.

A quanta decadenza fosse giunta e vi propendesse sempre più in questo lasso di tempo la potenza romana, quanto la tirannia e il dispotismo l’avessero avvilita e oppressa che i Tiberi, i Claudi, i Neroni i Caligola  e altri simili mostri avevano tollerati e serviti, ce lo insegna la storia, per cui le leggi furono conseguenti alla corruzione del governo, né più se ne videro ornate dell’antica maestà e miranti al pubblico bene, ma noiosamente prolisse e impregnate di quel pubblico disprezzo per gli uomini, finché si arrivò a fare quel fatale paralogismo che molti milioni di uomini fossero destinati alla felicità di uno solo.

Da tale spirito distruttore fu redatta quella barbara legge di Arcadio (377-408) e Onorio (384-423) contro i rei di lesa maestà (deberunt perire supplicio). Con simile legge si stabiliva un vero e proprio dispotismo, poiché nei governi liberali non si ha tanto timore dei ribelli, né si puniscono tanto crudelmente.

Quanto fosse radicato ai tempi di Giustiniano quel male al quale è destinata per natura l’Asia, chiamato tirannia, lo provano le espressioni di una stravagante vanità che si trovano nelle sue leggi e consistono nel comando di “adorare la sua eternità”, il riferimento alla sua “bocca divina” e al suo “divino oracolo”.

Costanti e generali principi di giustizia (che sono alla base di ogni legge) non furono osservati in quest’opera nella quale oltre a Triboniano ebbe una parte principale Teodora (come si rileva dalla Novella ottava, cap. I,... in cui Giustiniano dice:...hic quoque participem consilii sumentes eamquae a Deo data est nobis reverendissima coniugem).

Con questo sistema, scrive Verri, si può aver arricchito Triboniano (presentato come uomo avaro e ben remunerato da Giustiniano per il suo lavoro, ndr.), e secondare le mire  di Teodora, ma non si può fare un codice per la felicità della nazione.

Eppure queste sacrosante leggi le abbiamo da lungo tempo adottate, venerate, studiate quasi idolatrando questa sovrumana sapienza!

Le leggi romane, scrive Verri, furono perdute dopo il diluvio dei Goti, Vandali  e tanti popoli che cambiarono la faccia dell’Europa.

Lo studio delle Pandette in Italia era sorto nel XII sec. a seguito del loro ritrovamento (si ritiene) ad Amalfi (o a Molfetta) sulle quali si buttarono a capofitto i glossatori di Bologna. E a poco a poco si bandirono le leggi longobarde, gotiche, saliche e tutte quelle portate dai barbari forse più disprezzate di ciò che meritavano e si introdusse la giurisprudenza romana accolta con avida stupidità, credendo di fare una riforma quando si fece solo un cambiamento.

E così Irnerio, Accursio, Bartolo (da Sassoferrato,1314-1357)  e Baldo e tanti altri celebri ignoranti, inondarono l’Italia di grossi volumi che trovarono con nostra vergogna, dei veneratori e di cui riempirono le nostre biblioteche. Il decadimento accompagnò le sottigliezze legali e fummo circondati di libri di giurisprudenza senza leggi.

Se il codice è chiaro, i commenti sono inutili o sono un abuso, se invece è oscuro i commenti sono tutt’al più un rimedio parziale: conviene a questo punto rifonderlo e abolirlo. Questa cogente verità conclude Verri, fu tenuta presente dallo stesso Giustiniano.

 

 

1) Quando Basilio aveva preso il potere, nell’impero era in vigore la legislazione giustinianea (v. cit. I mille anni ecc., Cap. III) e si utilizzava l’Ecloga di Leone III (ibidem v. Cap. VI). Basilio raccolse una commissione di giuristi  usciti dall’università di Bardas (ibidem v. Cap. VI) perché raccogliesse e riorganizzasse le leggi, che andranno sotto il nome di “Anacatarsis ton palaion nòmon” (Purificazione delle antiche leggi). 

Nel frattempo pubblicò con il suo none e quello del figlio Leone co-imperatore un codice, “Procheiron nòmoi”, manuale pratico per i giudici. contenente le principali norme di diritto civile e canonico, con l’elencazione delle pene da applicare ai vari reati redatto sulla base delle Istituzioni di Giustiniano e della bistrattata Ecloga di Leone III, (alla quale non si dava riconoscimento ufficiale e considerata “non una summa, ma un pervertimento del diritto”, però ugualmente utilizzata nella pratica) che rimarrà in vigore fino alla fine dell’impero. Il Procheiron sarà  tradotto, come lo era stata l’Ecloga, in slavo e sarà utilizzato da slavi, russi  e bulgari.

Sotto Basilio I è anche redatta l’Epanagoghe (879) che costituisce la introduzione ai Basilici che saranno pubblicati da Leone VI (ibidem Cap.VII), in cui si nota l’influenza di Fozio che fa una chiara distinzione tra potere civile e potere ecclesiastico, con le rispettive sfere di competenza.   

L’opera giuridica di Basilio, Leone e Costantino VIII avrebbe dovuto oscurare la fama di Giustiniano, ma non fu così sebbene fossero  queste le leggi osservate a Bisanzio, non solo fino alla caduta dell’impero ma successivamente riprese dai turchi. Non solo, ma ciò era avvenuto ugualmente nonostante, come attestato dal  Giannone, in Italia vi fossero stati commentatori come Genziano, Erveo e Annibale Fabrotto, mentre in Grecia ve ne furono numerosissimi (Giannone  riprendendoli da Cujacio, li elenca tutti) che tolsero al Corpus di Giustiniano tutto ciò che era inutile e tutto ciò che era andato in desuetudine e aggiunto tutto ciò che era stato disposto dai successivi imperatori, pur mantenendosi la disposizione delle materie così come era piaciuto a Triboniano.

L’opera di aggiornamento proseguì con Costantino VIII che aggiornò i Basilici, che così com’erano furono detti Priori, mentre  quelli elaborati da Costantino furono detti Posteriori.

2) Costantino VIII Porfirogenito, Romano Lecapeno, Romano Porfirogenito, Niceforo II, Foca, Basilio il giovane, Romano IV, Argiropulo, Zoe, Isacco Comneno, Michele VII Ducas, Niceforo Botoniate, Alessio Comneno, Giovanni Comneno (detto Colagiovanni), Emanuele Comneno, Alessio III Comneno, Isacco Angelo, Giovanni III Ducas che regnò in Asia minore e Nicea e Michele Paleologo che scacciò i Latini e recuperò Costamtinopoli.

(3) Essi erano  Stefano (omonimo del giurista el periodo di Giustiniano) , Niceo, Taleleo (omonimo del giurista del periodo di Giustiniano), Isidoro e Teodoro (ambedue anche omonimi dei precedenti del periodo di Giustiniano), Eustazio, Eudossio, Calociro, Sesto, Callistrato, Lione, Foca, Modestino, Domnino, Gobidas, Cumno, Giovanni, Agioteodoreto, Doxapater, Gregorio, Caridas Bestes, Bafio e Teofilo, ai quali Freero aggiunse Patzo, Teofilitzeo, Fobeno,  Teodoro, Ermopolita, Demetrio e Cartofilace

*)  Per chi poi volesse approfondire gli articoli  originali, sono pubblicati nei due volumi  de “Il Caffé”  a cura di G. Francioni e S. Romagnoli editi da Bollati-Boringhieri  Ediz. 1998: Giustiniano e le sue leggi, 1° vol. pag. 177;    Ragionamento sulle leggi civili,  vol pag. 571,

 

FINE